A seminar la buona pianta: a Milano il festival green dal 29 settembre al 1° ottobre

Musica, letture, interviste, spettacoli e passeggiate urbane per riflettere insieme sui rapporti fra uomo, piante e ambiente, ecco il programma della sesta edizione della rassegna

da , il

    A seminar la buona pianta: a Milano il festival green dal 29 settembre al 1° ottobre

    Torna a Milano, da venerdì 29 settembre fino a domenica primo ottobre, A Seminar la Buona Pianta, il festival green di Aboca che per tre giorni diffonderà cultura sui temi legati al rapporto uomo-mondo vegetale con la volontà di contribuire a formare una coscienza responsabile a tutela del Pianeta, dello sviluppo sostenibile e della salute umana. Il programma di questa sesta edizione è ricco: musica, letture, interviste, spettacoli e passeggiate urbane per riflettere insieme sui rapporti fra uomo, piante e ambiente.

    Appuntamento a Milano dal 29 settembre al 1 ottobre con la tre giorni di ‘A Seminar la Buona Pianta’ (titolo ‘rubato’ a Dante Alighieri, canto XXIV del Paradiso), sesta edizione del festival ideato e prodotto da Aboca, azienda di Sansepolcro che produce dispositivi medici e integratori alimentari a base di complessi molecolari vegetali.

    Il festival si apre venerdì 29 settembre all’Orto Botanico di Brera, già partner dell’azienda per progetti culturali e didattica, con un reading dell’attore Fabrizio Gifuni. Sabato 30 settembre l’intera giornata intitolata Ecologia del denaro è dedicata a un tema chiave di A Seminar la Buona Pianta: quello della responsabilità. “La speculazione finanziaria di fatto si è sostituita alla reale produzione di ricchezza delle Nazioni, con le conseguenze che tutti conosciamo. Noi crediamo sia necessario un nuovo modello di sviluppo che garantisca sostenibilità ambientale e rispetto dei diritti di ogni essere umano”, dichiara il DG Massimo Mercati. Interverranno nel pomeriggio istituzioni (Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia), studiosi, imprenditori e artisti (il drammaturgo di fama internazionale Stefano Massini).

    In serata l’appuntamento è al Teatro Dal Verme con lo scrittore indiano Amitav Ghosh. L’autore del libro ‘La grande cecità’ si chiede: se il riscaldamento globale è il tema del nostro secolo, perché la cultura e, in modo particolare, la letteratura, non reagisce? La rassegna prosegue con lo spettacolo ‘Non ci sono più le quattro stagioni’ con il connubio Mercalli-Banda Osiris che unisce scienza e divertimento per dare una risposta sui generis alla questione affrontata dallo scrittore e per offrire spunti di riflessione negli individui.

    Domenica 1 ottobre è in programma una giornata di scoperta a cielo aperto: l’appuntamento è in Darsena per una colazione ‘vitaminica’ a base di frutta e centrifugati offerti da Aboca e poi partenza per un viaggio lungo il Naviglio Grande alla ricerca delle piante spontanee che crescono tra le fessurazioni dell’asfalto con la guida di esperti botanici. Al Mare Culturale Urbano, ex Cascina Torrette, semini di melissa, calendula, echinacea, coriandolo e iperico saranno distribuiti a tutti i partecipanti per la messa a dimora del verde.

    Gran finale di serata con la musica e le parole del cantautore emiliano Vasco Brondi che, in un incontro-intervista live con Giovanna Zucconi, direttore artistico del Festival, racconterà le contraddizioni e la bellezza del mondo di oggi anche con l’interpretazione di alcuni brani tratti dal suo repertorio.

    In collaborazione con AdnKronos