Fossa comune in Scozia: corpi di 400 bambini in ex orfanotrofio cattolico

I bambini vivevano nel famigerato orfanotrofio cattolico di Smyllum Park: sono morti tra il 1863 e il 1981 a causa di malattie, ma anche di abusi e violenze. A marzo, in Irlanda, un caso analogo, con la scoperta di una fossa comune con 800 cadaveri di bambini

da , il

    Fossa comune in Scozia: corpi di 400 bambini in ex orfanotrofio cattolico

    Scoperta macabra in Scozia, dove è stata trovata una fossa comune con i corpi di 400 bambini, nei pressi del cimitero di Lanarkshire. Bambini che vivevano nel vicino, famigerato, orfanotrofio cattolico di Smyllum Park, morti tra il 1863 e il 1981.

    Orfanotrofio famigerato perché già nel 2003, grazie a una prima inchiesta giornalistica, erano stati scoperti i corpi di 158 bambini in una fossa comune allestita in una zona del cimitero non segnalata.

    Si scoprì inoltre che molti dei 1.600 minori ospitati nella struttura, tra orfani e bambini provenienti da famiglie disagiate, avevano subito abusi e violenze.

    La BBC e il quotidiano scozzese Sunday Post hanno ora scoperto una nuova fossa comune con i corpi di 400 bambini, molti dei quali neonati. Tutti morti e gettati nella fossa, senza una sepoltura dignitosa. Come spazzatura.

    La maggior parte dei decessi, secondo l’inchiesta, si è verificata tra il 1870 e il 1981. Molti a causa delle malattie dell’epoca, come tubercolosi e polmonite, altri probabilmente a causa delle violenze fisiche e psicologiche perpetrate dalle suore che gestivano la struttura ai danni dei minori.

    Fossa comune in Irlanda: 800 corpi di bambini

    Pochi mesi fa, a marzo, era stata scoperta una fossa comune ancora più grande in Irlanda. Nei pressi di un ex orfanotrofio cattolico a Tuam, nella contea di Galway, gestito dalle suore del Bon Secour tra il 1925 e il 1961, erano stati trovati i corpi di 800 bambini.

    Nella fossa c’erano i resti dei cadaveri di centinaia tra feti, neonati e bambini. Vittime di malattie, povertà e malnutrizione. Senza escludere, anche in questo caso, abusi e violenze.