Sporco e grasso nella macchina del gelato di McDonald’s: la foto diventa virale

Un dipendente della nota catena di fast food pubblica le immagini degli utensili e del cibo, molte le critiche

da , il

    Sporco e grasso nella macchina del gelato di McDonald’s: la foto diventa virale

    Sporco e grasso nella macchina del gelato di McDonald’s fotografati e postati su Twitter. Stanno diventando virali le immagini postate da un dipendente della nota catena di fast food dei macchinari e del cibo servito dal ristorante. Il giovane si chiama Nick e viene dalla Louisiana, Stati Uniti, ed è un ex lavoratore del marchio che avrebbe deciso di svelare il dietro le quinte di uno dei più popolari fast food al mondo, partendo da un pezzo della macchina per il gelato, sporco e pieno di grasso. In molti però lo hanno criticato, sostenendo che il componente in questione poteva essere lo scolo del grasso: tanti invece hanno ricordato che è compito dei dipendenti pulire ogni giorno le attrezzature e che la colpa non può essere dell’azienda ma semmai di chi ci lavora.

    La foto è stata presa d’assalto da molti utenti di Twitter ma in tanti hanno attaccato Nick che ha così pubblicato altre immagini, come gli utensili pieni d’olio o gli alimenti congelati, andando anche a prendere i dettagli di alcuni macchinari, sporchi e unti.

    Nick si è difeso dalle accuse di aver costruito un caso finto e anche di fronte alla prova fotografica è stato subissato di critiche: in particolare, gli è stato ricordato che la manutenzione e l’igiene del singolo ristorante deve essere garantita dai dipendenti e che anzi l’azienda potrebbe rivalersi contro di loro per non aver rispettato gli standard richiesti.

    Detto, fatto. Il 20 luglio Nick scrive di essere stato licenziato da McDonald’s e di aver pianificato tutto in vista del nuovo lavoro che avrebbe cominciato il venerdì successivo, in modo da perdere anche quello.

    Scorrendo le conversazioni, si trova uno scambio di battute con quella che si presuppone essere la sua fidanzata che si congratula del fatto che ora è famoso. “L’ho fatto per noi“, è la sua risposta. Il sospetto che tutto sia stato organizzato per far parlare più di lui che del gelato di McDonald’s è servito.