Ruba la bicicletta al ladro che gliel’aveva rubata

E alla fine doppia soddisfazione: «Il ladro me l’aveva pure rimessa a nuovo»

da , il

    Ruba la bicicletta al ladro che gliel’aveva rubata

    Una ragazza si improvvisa detective e ruba la bicicletta al ladro che gliel’aveva rubata. Questa storia, che ha dell’esilarante, arriva da Bristol, in Gran Bretagna. La protagonista è una donna che domenica mattina aveva lasciato la bicicletta fuori da un locale dove si era recata per il brunch. All’uscita l’amara sorpresa: qualcuno gliel’aveva rubata.

    Era andata subito dalla polizia a sporgere denuncia, ma gli agenti non sembravano volersi impegnare più di tanto per rintracciare il mezzo rubato. E così la ragazza si è trasformata in detective. È partita, naturalmente, dal raccontare la storia su Facebook, facendo condividere la foto della sua bici rubata.

    Dopo poche ore la soffiata di un utente, che l’ha avvertita che la bicicletta era stata già messa in vendita su internet.

    Da lì, con la complicità della sorella, la ragazza ha deciso di prendere appuntamento con il venditore-ladro per riprendersi ciò che era suo.

    Da sola: la polizia, a cui aveva chiesto sostegno, anche in questo caso aveva reagito con indifferenza, negando di accompagnarla.

    E così il lunedì mattina si è recata sul luogo dell’appuntamento: «Ho fatto finta di essere interessata all’acquisto e ho cominciato a fare domande stupide sulla bici – racconta la ragazza, come riporta Il Mattino – Ho detto che secondo me la sella era troppo alta e gli ho chiesto di poterla provare, consegnandogli tutto ciò che avevo in mano per non insospettirlo: un pacchetto di sigarette e un mazzo di chiavi che ormai non servono a nulla».

    Ma era una trappola: la ragazza a poco a poco si è allontanata, riuscendo a fare perdere le sue tracce.

    E alla fine doppia soddisfazione: «Quando sono tornata a casa ho anche trovato una bella sorpresa: durante la notte il ladro mi aveva rimesso a nuovo la bicicletta e aveva anche sistemato la luce anteriore».