In autostrada alla scoperta delle bellezze del Patrimonio Mondiale dell’Unesco

'Sei in un Paese meraviglioso' è il progetto di Autostrade per l'Italia già presente in 100 aree di servizio per valorizzare il territorio e farlo conoscere ai viaggiatori

da , il

    In autostrada alla scoperta delle bellezze del Patrimonio Mondiale dell’Unesco

    In autostrada si possono percorrere anche molti chilometri dal Nord al Sud della nostra splendida penisola ma se non abbastanza valorizzate, le attrazioni e le bellezze del nostro territorio rischiano di rimanere nell’ombra senza ricevere il giusto apprezzamento. Il progetto di Autostrade per l’Italia dal titolo ‘Sei in un Paese meraviglioso‘ mira proprio a promuovere i siti italiani che sono stati premiati dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità.

    Grazie a cartelloni touring piazzati lungo la rete di autostrade presenti in tutta Italia, e installazioni che raccontano la storia delle meraviglie patrimonio dell’umanità UNESCO presenti nei siti italiani, già disponibili in oltre 100 aree di servizio, il progetto mira a valorizzare il territorio per farne conoscere meglio ai turisti attrattive e caratteristiche culturali. Non a caso il progetto è protagonista di un programma televisivo di successo, in onda su SKY Arte HD.

    Chi ama i viaggi on the road sarà entusiasta delle proposte che via via incontrerà sulle autostrade con i suggerimenti di ‘Sei in un Paese meraviglioso’, con cui si vuole valorizzare e promuovere le eccellenze dell’arte, della storia e dell’architettura italiana anche attraverso un’app dedicata, che si chiama My Way.

    Tra le nuove entrate di un totale di 40 siti della Lista del Patrimonio Mondiale raggiungibili dalla rete autostradale, ricordiamo:

    le Necropoli Etrusche di Cerveteri e Tarquinia (area di servizio Tirreno Ovest),

    il Centro Storico di Urbino (area di servizio Montefeltro Ovest),

    il Centro Storico di Pienza (area di servizio Badia al Pino Ovest),

    il Centro Storico di San Gimignano (area di servizio Bisenzio Ovest),

    il Centro Storico di Siena (area di servizio Montepulciano Est),

    le Ville e i Giardini Medicei della Toscana (area di servizio Bisenzio Est),

    I monumenti paleocristiani di Ravenna (area di servizio Sillaro ovest),

    la Cattedrale, la Torre Civica e la Piazza Grande di Modena (area di servizio Secchia Ovest),

    l’Orto Botanico di Padova (area di servizio San Pelagio Est),

    La città di Vicenza e le ville del Palladio nel Veneto (area di servizio Piave Est),

    Ferrara città del Rinascimento e il suo Delta del Po (area di servizio Po Ovest),

    Crespi D’Adda (area di servizio Brianza Sud),

    Il Palazzo Reale del XVIII secolo di Caserta con il parco, l’Acquedotto Vanvitelliano ed il Complesso di San Leucio (area di servizio San Nicola Est),

    I Trulli di Alberobello (area di servizio Le Fonti Ovest),

    Castel del Monte (area di servizio Dolmen Est),

    Tivoli e Villa D’Este (area di servizio Flaminia Ovest),

    il Centro Storico di Napoli (area di servizio San Nicola Ovest),

    le Aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata (area di servizio Torre Annunziata ovest).

    L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la Commissione Nazionale per l’Unesco, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Dipartimento per le infrastrutture, i sistemi informativi e statistici – Direzione generale per la vigilanza sulle concessionarie autostradali.

    In collaborazione con AdnKronos