Bullo gli mette del formaggio nel panino, 13enne muore per reazione allergica

Indagini in corso da parte della polizia di Londra, inutili i primi soccorsi prestati dal personale infermieristico a scuola: Karanbir Cheema è morto in ospedale dopo 10 giorni

da , il

    Morire a 13 anni per uno scherzo crudele, forse a opera di un bullo. Karanbir Cheema, Karan per gli amici, è morto dopo dieci giorni di ricovero in ospedale a causa di una reazione allergica dopo che qualcuno aveva messo un pezzo di formaggio nel suo panino. La Met, la polizia metropolitana di Londra, sta indagando sul caso: il giovane si era sentito male durante la pausa pranzo a scuola, la William Perkin CofE High School a Greenford, west London, lo scorso 28 giugno, lamentando una forte reazione allergica. Il personale medico dell’istituto lo ha soccorso seguendo tutta la prassi ma, di fronte all’aggravarsi della sua condizione, ha deciso di farlo ricoverare immediatamente. Portato al Great Ormond Street children’s hospital, Karan è morto dieci giorni dopo, circondato dalla sua famiglia.

    La polizia londinese sta trattando il caso come omicidio. Secondo quanto riporta il comunicato rilasciato dalla Met, la scuola ha chiamato gli agenti dopo che “è stato chiaro che per un incidente il ragazzo è entrato in contatto con l’allergene“.

    Mio figlio era allergico ai prodotti lattiero-caseari ma era molto attento. Non so come sia entrato in contatto con un pezzo di formaggio che lo avrebbe potuto uccidere, non ha alcun senso. Ci è stato detto molto poco“, ha raccontato il padre all’Evening Standard. La famiglia è devastata dal dolore e ora vuole risposte su una morte che rimane “incomprensibile“, come si legge nel primo referto redatto dalla polizia.

    Gli agenti ora indagano con l’accusa di omicidio perché il 13enne sarebbe stato costretto a entrare in contatto con l’allergene: tra le ipotesi che circolano con maggiore insistenza emerge quella di un bullo, riportata da vari tabloid, che gli avrebbe messo il formaggio nel panino senza che lui se ne accorgesse. Secondo quanto riporta il Guardian, nel corso delle prime indagini è stato fermato un ragazzo di 13 anni della sua scuola, poi rilasciato.

    Alicce Hudson, direttrice dell’istituto, ha dichiarato al tabloid che Karan si sarebbe recato da solo in infermeria, accusando un forte attacco allergico: “Tutto ciò che doveva essere fatto è stato fatto. Sfortunatamente, in questa situazione non è bastato“.

    Karan era un alunno modello che eccelleva in matematica e aveva molti amici a scuola che ora sono devastati dalla sua morte, come tutto lo staff. Siamo vicini alla famiglia“, ha aggiunto al Daily Mirror.