Promette una sorpresa alla moglie, le fa chiudere gli occhi e la strangola: orrore in India

La coppia litigava spesso: l'uomo le aveva chiesto di raggiungerlo in un parco di Nuova Delhi e lì l'ha uccisa

da , il

    Promette una sorpresa alla moglie, le fa chiudere gli occhi e la strangola: orrore in India

    Aveva promesso una sorpresa alla moglie e per questo le aveva chiesto di raggiungerlo in un parco: una volta lì, le ha detto di chiudere gli occhi, ha tirato fuori un cavo e l’ha strangolata. Il terribile omicidio è avvenuto lo scorso venerdì a Nuova Delhi, in India: Manoj Kumar, 24 anni, ha ucciso la moglie Komal, di 22 anni, inscenando una finta sorpresa di riconciliazione e attirandola così al Bonta Park, vicino alla Delhi University. Invece, l’uomo aveva organizzato tutto al solo scopo di ucciderla.

    Secondo quanto ricostruito dalla polizia, Kumar ha chiamato la moglie chiedendole un appuntamento, le ha fatto credere che si trattasse di una sorpresa, le ha fatto chiudere gli occhi e l’ha uccisa, strangolandola con un cavo da frizione comprato lo stesso giorno.

    In seguito ha chiamato un amico che ha poi avvisato la Polizia: gli agenti hanno riferito che era così ubriaco da non ricordarsi dove aveva lasciato il corpo della moglie, ritrovato dopo 12 ore di ricerche. L’uomo è stato arrestato e il corpo della moglie consegnato ai medici forensi per l’autopsia.

    La giovane coppia si era conosciuta al bar dove lei lavorava e si erano subito innamorati, convolando a nozze nel giro di qualche mese nel luglio 2015. In soli sei mesi avrebbero iniziato a litigare, accorgendosi delle grandi differenze tra loro, finché Komal non aveva deciso di lasciarlo e di tornare a vivere con i suoi genitori.

    Il marito non aveva accettato la fine del loro rapporto, era arrivato a sospettare un tradimento da parte sua, e aveva tentato di convincerla a tornare a casa, inutilmente. Alla fine, aveva deciso di ucciderla, organizzando tutto nei minimi particolari. Secondo la polizia, aveva pianificato di lasciare la città dopo l’omicidio ma si sarebbe fatto prendere dal panico e, ubriaco, avrebbe chiamato l’amico.