Corazziere nero Quirinale: dalla favela in Brasile all’incontro con il Papa

Durante la visita di papa Francesco al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, i fotografi hanno immortalato il primo corazziere nero del Quirinale

da , il

    Corazziere nero Quirinale: dalla favela in Brasile all’incontro con il Papa

    Durante la visita di papa Francesco al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, i fotografi hanno immortalato il primo corazziere nero del Quirinale. La sua è una bella storia che parte da molto lontano. N.T., 27 anni, è nato in Brasile da una famiglia povera. A un anno è stato adottato da una coppia siciliana, che l’ha portato in Italia.

    Il corazziere nero è cresciuto in Italia, integrandosi alla perfezione diventando un cittadino italiano a tutti gli effetti. È andato a scuola, ha conseguito la maturità al liceo scientifico e ha coronato uno dei suoi sogni. Dopo essere entrato nell’arma dei carabinieri, infatti, è approdato nello storico reggimento delle guardie del corpo del presidente della Repubblica. I corazzieri, appunto.

    Il colore della sua pelle non è stato un problema (e in Italia non è scontato…): l’omone nato in Brasile ha superato tutte le prove fisiche e psicologiche, diventando corazziere del Quirinale. Ed è stato scelto proprio lui per il picchetto d’onore in alta uniforme che ha accolto papa Francesco due giorni fa per la visita a Mattarella.