Venezuela, Lilian Tintori annuncia una marcia femminile contro la repressione di Maduro

L’attivista per i diritti umani Lilian Tintori ha annunciato una marcia femminile in Venezuela contro la repressione del presidente Nicolas Maduro

da , il

    Venezuela, Lilian Tintori annuncia una marcia femminile contro la repressione di Maduro

    L’attivista politica per i diritti umani Lilian Tintori ha annunciato una marcia femminile contro la repressione del presidente Nicolas Maduro. La donna, moglie del leader dell’opposizione venezuelana e prigioniero politico Leopoldo López, parla di una «protesta di sole donne, senza uomini e senza armi», con un fiore in mano e vestite di bianco, per chiedere che «cessi la repressione e si restituisca la democrazia nel nostro paese».

    In Venezuela, uno dei paesi più poveri e violenti al mondo, da tempo la tensione è altissima. Dopo il tentativo di golpe da parte del presidente Maduro, che sta cercando di fatto di eliminare il parlamento, violenti scontri sono scoppiati a Caracas e in altre città, provocando morti e feriti, tra manifestanti anti-regime e le spietate forze governative. «Ieri abbiamo contato 400 feriti, oggi altri trenta solo all’università. Ieri hanno ucciso un ragazzino di 17 anni, ci sono più di 160 prigionieri politici. Ora basta!», ha denunciato Lilian Tintori, annunciando la manifestazione delle donne in Venezuela.

    Chi è Lilian Tintori?

    Lilian Tintori, oltre a essere un’atleta e conduttrice radiofonica e televisiva, è una attivista per i diritti umani. È la moglie di Leopoldo López, prigioniero politico del regime di Maduro condannato a 14 anni di carcere con l’accusa di aver «incitato alla violenza» durante un manifestazione di piazza del 2014.