Bimbo muore tra le braccia di Babbo Natale, ma la stampa USA è perplessa

Il News Sentinel: 'Non possiamo garantire la veridicità del racconto'

da , il

    Bimbo muore tra le braccia di Babbo Natale, ma la stampa USA è perplessa

    La notizia che un bimbo di soli 5 anni, malato terminale era spirato tra le braccia di Babbo Natale, ha lasciato sconvolta la stampa internazionale e tutti i lettori. La storia di Eric Schmitt-Matzen, l’uomo che ha indossato l’abito rosso, la barba (vera) e il cappello di Santa Claus, per esaudire l’ultimo desiderio di un bambino in fin di vita, sembra però avere dei lati oscuri: i giornali americani hanno cercato di fare luce sull’intera vicenda, ma con scarsi risultati.

    LE VERIFICHE DELLA STAMPA STATUNITENSE

    La straziante vicenda, che solo due giorni fa ha commosso milioni di persone, oggi sembra non essere del tutto vera, o quantomeno non completamente verificabile. Inizialmente la storia di Eric Schmitt-Matzen è stata raccontata dal quotidiano Knoxville News Sentinel e immediatamente è stata ripresa dai media nazionali e dai siti di informazione in rete. E’ proprio mentre la notizia rimbalzava da un giornale a un altro, che sono nati i primi dubbi: ‘Schmitt-Matzen ha ripetutamente evitato di fornire dettagli a conferma della sua storia nell’interesse, ha detto, di tutelare il personale medico e la privacy della famiglia del bambino’, ha spiegato il Washington Post.

    Anche allo stesso News Sentinel, da cui era partita la notizia, qualcuno ha avuto perplessità, proprio per questo la redazione ha deciso di approfondire la questione, effettuando delle ricerche autonomamente. Tutti gli ospedali della zona contattati dai giornalisti hanno negato che un bambino sia morto in quella particolare maniera. Il News Sentinel ha dichiarato pertanto che ‘non può affermare che il racconto di Schmitt-Matzen sia inaccurato, tuttavia nemmeno confermarlo integralmente’.

    Il News Sentinel è giunto quindi a questa conclusione: ‘Dato che la storia non soddisfa gli standard del giornale, non possiamo garantire la veridicità del racconto’.

    LA STORIA DEL BIMBO SPIRATO TRA LE BRACCIA DI BABBO NATALE

    Qui di seguito vi riportiamo la notizia così come era stata pubblicata la prima volta da News Sentinel e poi ripresa viralmente da tutti gli altri siti di informazione.

    Eric Schmitt-Matzen, 60 anni di Knoxville, in Tennessee, è l’uomo che ha regalato un sogno a un bambino di 5 anni, gravemente malato. Travestito da Babbo Natale, ha raggiunto il piccolo nell’ospedale dov’era ricoverato, per esaudire il suo ultimo desiderio: abbracciare Santa Claus.

    Schmitt-Matzen era alle prese col suo lavoro di ingegnere meccanico a Jacksboro, quando ha ricevuto la chiamata da un’infermiera di un ospedale della zona: ‘Mi ha detto che c’era un bambino di 5 anni che voleva vedere Babbo Natale’, ha raccontato l’uomo, ‘le ho detto ok, mi lasci il tempo di cambiarmi’. Ma la donna le aveva subito fatto capire che si trattava di una situazione urgente: non c’era tempo da perdere.

    Così Eric si è precipitato nel reparto di terapia intensiva, vestito di rosso come il vero Babbo Natale: ‘Mi sono seduto sul suo letto e gli ho chiesto: Mi hanno detto che ti mancherà il Natale? Ma non può mancarti il Natale perché tu sei il mio elfo numero uno! Mi ha guardato sorpreso e mi ha risposto: io?’. Santa Claus di Knoxville ha poi replicato: ‘Certo!’ e subito il bimbo ha incalzato con una domanda inaspettata: ‘Mi hanno detto che sto per morire. Come faccio a sapere cosa devo dire quando arriverò nel posto dove sto andando?’.

    Schmitt-Matzen ha tirato fuori tutta la sua fantasia e ha rassicurato il bimbo con queste parole: ‘Semplicemente che sei l’elfo numero uno di Santa Claus, sono certo che ti lasceranno entrare’, poi l’ha abbracciato stretto e il piccolo è morto tra le sue braccia.

    L’uomo, che è piuttosto conosciuto nella sua città proprio per la sua incredibile somiglianza con Santa Claus, grazie ai suoi 130 chili di peso e una lunga barba bianca assolutamente naturale, ha confidato: ‘Ho pianto per tutto il tragitto di ritorno, per tre giorni sono stato uno straccio, e per settimane non sono riuscito a pensare ad altro. Ho anche pensato di appendere il vestito da Babbo Natale al chiodo, ma poi ho cambiato idea quando ho realizzato quanto è importante per i bambini’.

    Eric Schmitt-Matzen, proprio per il suo naturale aspetto da Babbo Natale, già da nove anni, indossa i panni di Santa Claus, regalando gioia ai cittadini di Knoxville, in Tennessee. I suoi sorrisi sono un simbolo di Knoxville: ora Eric Schmitt-Matzen sa che non potrà rinunciare al suo nobile compito, anche se quest’anno il dolore e la tristezza hanno messo a dura prova la sua carica naturale di allegria.