Italiani rapiti in Libia: Danilo Calonego e Bruno Cacace sono stati liberati

Italiani rapiti in Libia: Danilo Calonego e Bruno Cacace sono stati liberati
da in Libia, Mondo, News Mondo
Ultimo aggiornamento:
    Italiani rapiti in Libia: Danilo Calonego e Bruno Cacace sono stati liberati

    “La Farnesina conferma che i due tecnici italiani della società Conicos, Danilo Calonego e Bruno Cacace, e il cittadino canadese Frank Poccia, sono stati liberati questa notte nel sud della Libia e hanno fatto rientro in Italia nelle prime ore di questa mattina con un volo dedicato. La vicenda si è conclusa grazie alla efficace collaborazione delle autorità locali libiche. Calonego, Cacace e Poccia erano stati sequestrati a Ghat il 19 settembre scorso nei pressi del cantiere dove lavoravano da un gruppo armato che aveva bloccato la vettura sulla quale viaggiavano”. Lo rende noto un comunicato.

    I nostri connazionali sequestrati nel sud-est della Libia lo scorso 20 settembre saranno ascoltati in mattinata. Danilo Calonego e Bruno Cacace, assieme al loro collega canadese Frank Poccia, presso una caserma del Ros, racconteranno alla procura di Roma le ore del rapimento e della prigionia libica. A quanto si apprende, i due hanno riferito, al loro arrivo in Italia, di essere in buona salute e di non aver subito violenze durante i mesi di prigionia.

    LEGGI ANCHE TUTTI GLI ITALIANI RAPITI NEGLI ULTIMI ANNI

    Sul cittadino canadese Frank Poccia, il ministro degli Esteri di Ottawa Michael O’Shaughnessy ha seguito personalmente il caso, rimanendo sempre in contatto con i diplomatici italiani a Roma e in Canada. Lo scorso mese il sito web Middle East Eye, citando fonti della sicurezza algerina, aveva parlato di un riscatto di 4 milioni di euro per il rilascio dei prigionieri, che sarebbero stati detenuti in Algeria. La zona dove sono stati rapiti – tra Ghat e Taharat, due oasi nel Fezzan – è nota per essere presidiata dagli uomini di al-Qaeda nel Maghreb Islamico (Aqim), in particolare dagli uomini di Mokhtar Belmokhtar.

    “Finalmente è un buon giorno. So che mio fratello è libero e sono felice. Non l’ho ancora sentito. Aspettiamo tutti il suo ritorno”: Daniela Calonego, sorella di Danilo Calonego, racconta di essere stata avvertita dalla Farnesina della conclusione positiva della vicenda. “Sono contenta, veramente contenta. È da quel 19 settembre che non avevamo più notizie di Danilo”.

    È invece il sindaco di Borgo San Dalmazzo Gian Paolo Beretta a commentare la liberazione di Bruno Cacace: “Una bella notizia che ci rallegra, dopo una lunga sofferenza siamo finalmente felici”. “Conosco bene Bruno Cacace e la sua famiglia – prosegue il sindaco – in questi mesi siamo stati tutti in apprensione anche perché la Farnesina ha mantenuto il massimo riserbo per favorire le procedure di liberazione e dunque nessuno di noi era informato su quanto stava accadendo”. “La vicenda di Bruno Cacace – prosegue il primo cittadino – ci ha toccati da vicino, anche perché in una cittadina come la nostra, di 13mila abitanti, ci conosciamo tutti. In queste settimane abbiamo cercato di sostenere moralmente la famiglia, e nessuno di noi ha mai perso le speranze. Finalmente oggi è finito un incubo”. “Ora non ci resta che attenderlo – conclude il sindaco – e organizzare per quando tornerà, non sappiamo ancora se oggi o domani, una bella festa di bentornato”.

    579

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN LibiaMondoNews Mondo

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI