Espulso pakistano che voleva compiere attentati in Italia

Espulso pakistano che voleva compiere attentati in Italia

Aveva giurato fedeltà all'Isis

da in Mondo, News Mondo, Terrorismo, Terrorismo in Italia, Terrorismo Islamico
Ultimo aggiornamento:
    Espulso pakistano che voleva compiere attentati in Italia

    Espulso dall’Italia un estremista di 26 anni residente a Vaprio d’Adda in provincia di Milano. Aftab Farooq voleva attaccare l’Italia, aveva giurato fedeltà all’Isis. “Colpire un aereo è facile”, queste le parole shock pronunciate dal fondamentalista fermato domenica scorsa.

    Aftab Farooq era sotto sorveglianza da un anno. “Facciamo qualche danno perché ammazzano i musulmani. Vai a fare saltare uno o due aerei. Vedi è facile colpire un aereo”, l’aspirante terrorista aveva giurato fedeltà al Califfo Abu Bakr al Baghdadi all’inizio dello scorso anno. Magazziniere di un centro Dechatlon voleva raggiungere la Siria: “Ricordati che voglio partire e lo farò anche a costo di abbandonare la mia famiglia”.
    “Sono pronto a difenderlo e uccidere per lui davanti ad Allah seguendo il Corano”, così l’estremista aveva aderito allo Stato Islamico e offerto tutta la sua devozione.

    A settembre 2015 aveva anche iniziato a parlare di attentati terroristici. Nel suo mirino c’era anche un’enoteca di Vaprio d’Adda che lui chiamava ‘la fabbrica del whisky’. “Mettiamo fuori una bomba o spariamo colpi di kalashnikov. Non ammazziamo le persone, ma così avranno paura”, così esponeva il suo piano.
    “Dobbiamo fare attentati in Europa. Bisogna uccidere dei militari, due o quattro. Lo facciamo”. E ancora in un’altra occasione: “Gli europei devono avere paura non possiamo lasciarli tranquilli”.

    271

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MondoNews MondoTerrorismoTerrorismo in ItaliaTerrorismo Islamico

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI