Hillary Clinton accetta la nomination

Hillary Clinton accetta la nomination

'Sarò la presidente di tutti'

da in Elezioni USA, Hillary Clinton, Mondo, News Mondo, Presidente degli Stati Uniti, Stati Uniti d'America
Ultimo aggiornamento:
    Hillary Clinton accetta la nomination

    “La mia missione primaria come presidente sarà quella di creare più opportunità e posti di lavoro migliori con l’aumento dei salari”. Hillary Clinton ha accettato la nomination come candidata democratica alla presidenza nell’ultima tappa della quattro giorni di convention dem a Filadelfia. “Nei miei primi 100 giorni, lavoreremo con entrambe le parti per dare vita al più grande investimento in nuovi posti di lavoro ben retribuiti dalla seconda guerra mondiale a oggi”, ha aggiunto.


    L’ex segretaria di stato ha iniziato il suo discorso rivolgendosi ai sostenitori del suo rivale nelle primarie, Bernie Sanders, a cui ha assicurato, “la vostra causa è la nostra causa”. “Voglio che lo sappiate – ha precisato – Vi ascolto. La vostra causa è anche la nostra”. Clinton ha aggiunto che gli Stati Uniti hanno bisogno dell’energia e della passione che hanno impiegato i sostenitori di Sanders nella campagna.

    La candidata democratica potrebbe diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti in un momento storico caratterizzato dalla minaccia del terrorismo internazionale.
    “Chiunque legga le notizie può vedere le minacce e le turbolenze che abbiamo di fronte. Da Baghdad e Kabul, a Nizza e Parigi e Bruxelles, a San Bernardino e Orlando, abbiamo a che fare con nemici determinati che devono essere sconfitti”.

    “Non c’è da meravigliarsi – ha aggiunto – che i cittadini siano in ansia e in cerca di rassicurazione. In cerca di una leadership stabile”. E ha concluso: “Siamo consapevoli di ciò che il nostro Paese ha davanti e sappiamo contro cosa dobbiamo combattere. Ma non abbiamo paura”.


    “Il rifiuto di Hillary Clinton di menzionare l’Islam radicale, mentre spinge al 550% l’aumento dei rifugiati, è l’ennesima prova di quanto sia inadatta a guidare il Paese”, ha scritto il rivale alle presidenziali, Donald Trump, in un tweet.
    La Clinton ha attaccato il candidato repubblicano: “Donald Trump vuole dividerci dal resto del mondo, e tra di noi. Ma noi non costruiremo un muro” ha detto la candidata dem facendo riferimento al muro che il magnate intende costruire alla frontiera con il Messico. “Al posto del muro noi costruiremo un’economia in cui chiunque desideri un lavoro ben remunerato ne possa ottenere uno”.
    Clinton ha quindi accusato il “razzismo sistematico” subito dalle comunità afroamericane e latine negli Stati Uniti e ha promesso una riforma della giustizia e un maggior controllo sulle armi. “Dobbiamo sanare le divisioni del nostro Paese”, ha ribadito.


    “Sarò la presidente di tutti gli americani, democratici, indipendenti e repubblicani, di chi mi ha votato e di chi non lo ha fatto”. Clinton ha ribadito che la nomina di una donna alla Casa Bianca è un fatto storico, “un passo verso un’Unione più perfetta”.

    749

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Elezioni USAHillary ClintonMondoNews MondoPresidente degli Stati UnitiStati Uniti d'America
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI