Strage all’aeroporto di Istanbul, il web scopre la solidarietà anche per la Turchia

Come hanno reagito i social ai morti dell'attentato

da , il

    L’attentato all’aeroporto di Istanbul getta il mondo nel terrore per l’ennesima volta. Come a Bruxelles è stato colpito un luogo simbolo dello stile di vita moderno, ma a differenza del Belgio, la solidarietà corre meno sul web. Non che non ci siano messaggi di vip e persone comuni su quanto accaduto nella città turca. I tweet di cordoglio arrivano da tutto il mondo, da leader politici, attori, personalità del mondo dello spettacolo e non solo: tanti utenti hanno dato il loro personale contributo al dolore di una nazione che è ancora sotto attacco del terrorismo. La distanza emotiva rispetto a quanto è successo a Parigi e Bruxelles è innegabile, ma qualcosa è cambiato e Istanbul (con la Turchia) non ci sembra più così lontano.

    In occasione dell’attentato ad Ankara dello scorso marzo,

    Ovviamente non è così. Il dolore è lo stesso, ma è innegabile che se i terroristi colpiscono due capitali europee il nostro shock emotivo è più forte. Non sempre è razzismo, è la vicinanza degli affetti: se perdiamo un nostro caro, il dolore è molto più intenso rispetto al pensiero di una perdita che ha avuto un nostro conoscente.

    A questo si aggiunge che in Turchia il web stesso è messo in silenzio dalle autorità. La politica di Recep Erdogan in fatto di libertà di stampa e di espressione è molto dura e non certo in linea con quelle delle democrazie più moderne. Così, sull’attentato all’aeroporto di Istanbul è dovuto calare il silenzio, imposto ai media dal governo.

    Nel tweet si avvisa che è in vigore il divieto di pubblicazione per il media

    L’attentato all’aeroporto di Istanbul ha però cambiato qualcosa anche per noi occidentali. Gli attentatori hanno colpito lo scalo internazionale, dove viaggiano persone provenienti da tutto il mondo perché agli occhi dei terroristi siamo tutti uguali.

    Da una parte ci sono loro, i “giusti”, quelli che combattono contro gli “infedeli”; dall’altra ci siamo “noi”, quelli “sbagliati”, occidentali e no, cristiani e musulmani. Se si è trattato di terrorismo legato all’Isis o a quello più interno alla Turchia lo diranno le prossime ore. In ogni caso, anche oggi il web riscopre la solidarietà via bit: non saranno milioni di messaggi come Bruxelles, ma che ci siano cinguettii provenienti da tutto il mondo per le vittime di Istanbul è già un piccolo passo avanti.