Anonymous viola profili Twitter dell’Isis con materiale gay e bandiere arcobaleno

Anonymous viola profili Twitter dell’Isis con materiale gay e bandiere arcobaleno

Su Twitter l'hacktivista sta colpendo ancora nuove 'vittime'

da in Isis, Mondo, Omosessualità, Twitter
    Anonymous viola profili Twitter dell’Isis con materiale gay e bandiere arcobaleno

    In seguito alla rivendicazione dell’Isis della strage avvenuta al locale gay Pulse di Orlando, sul web si è scatenata la lotta cibernetica a suon di violazioni di account sui principali social network, in particolar modo su Twitter. Il team di hacker che si cela dietro l’account WauchulaGhost ha violato circa duecento profili Twitter di appartenenti e sostenitori dell’Isis (o Daesh, come viene conosciuto nel mondo arabo il cosiddetto Stato Islamico), riempiendoli con messaggi, foto e video provenienti dal mondo omosessuale e dai gay pride.

    L’ho fatto per le vittime di Orlando, l’uccisione di innocenti non è tollerabile. Voglio solo dire che non stiamo usando pornografia per offendere i musulmani, le nostre azioni sono dirette a estremisti jihadisti. Molti dei nostri attivisti sono musulmani e rispettiamo tutte le religioni che non uccidono vite innocenti”, ha tenuto a precisare uno degli hacktivisti di WauchulaGhost, che già in passato aveva sabotato altri account legati all’Isis. In questa occasione la maggior parte degli account hackerata apparteneva a soggetti localizzati in Arabia Saudita, Iraq e Siria, ad eccezione di un profilo francese, particolarmente attivo nella propaganda a sostegno dell’Isis.



    E tanti stanno continuando a mettere contenuti per protestare contro l’Isis usando l’hashtag #DaeshBag. Twitter sostiene di aver chiuso, dal 2015, più di 125mila profili che promuovevano l’estremismo.


    636

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN IsisMondoOmosessualitàTwitter
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI