Badante violenta incastrata da un video: picchia 93 enne con l’Alzheimer

Badante violenta incastrata da un video: picchia 93 enne con l’Alzheimer

E' successo in Argentina

da in Cronaca Nera, Mondo, Reati, Sud America, Violenza sulle donne
Ultimo aggiornamento:
    Badante maltratta brutalmente nonnina malata

    Un video difficile da guardare, scene di una violenza inaudita, soprattutto perché la lotta è impari: la vittima è un’anziana di 93 anni, affetta da Alzheimer, l’aguzzina è la sua badante. Per una volta, questo aberrante scenario non proviene dal Bel Paese, ma dalla lontana Argentina.

    Purtroppo la piaga dei soprusi e dei maltrattamenti sugli anziani è presente ovunque, molto ben oltre il confine italiano e non è certo motivo di vanto, tutt’altro.

    La vittima questa volta è una nonnina di 93 anni, affetta da una grave patologia, fortemente invalidante.

    Miriam Marino, la badante destinata a prendersi cura di lei, non mostra un briciolo di amorevolezza, anzi sembra dominata da una ferocia incontrollabile: si scaglia contro la donna, continuamente, picchiandola e umiliandola.

    L’anziana non può fare altro che stare seduta dinanzi alla TV, ma la Marino sembra averla scambiata per un sacco da pugile.

    Fortunatamente, ad un certo, punto, la figlia della vittima, insospettita da alcuni lividi scoperti sul corpo della mamma, ha provveduto a far installare alcune telecamere di sorveglianza nell’appartamento, per poter studiare il comportamento della badante.

    Quello che ha scoperto è stato terribilmente agghiacciante.

    A quel punto la figlia ha deciso di pubblicare il video sui social network, per denunciare pubblicamente Miriam Marino e per tentare di mettere in guardia chiunque abbia scelto di introdurre in casa una figura di sostegno per i propri cari.

    Al momento le Forze dell’Ordine stanno consultando le videoregistrazioni, si attende dunque che venga emessa la condanna a carico della violenta badante.

    293

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cronaca NeraMondoReatiSud AmericaViolenza sulle donne
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI