‘Il bimbo nel video dell’Isis è mio nipote’, il nonno inglese ne è certo

‘Il bimbo nel video dell’Isis è mio nipote’, il nonno inglese ne è certo

La madre era scappata in Siria nel 2012

da in Inghilterra, Isis, Jihad Islamica, Medio Oriente, Mondo, Regno Unito, Siria, Terrorismo Islamico
Ultimo aggiornamento:
    ‘Il bimbo nel video dell’Isis è mio nipote’, il nonno inglese ne è certo

    Un taxista londinese, guardando l’ultimo video dell’Isis, ha riconosciuto suo nipote: ‘Certamente è il figlio della mia Grace’, ha dichiarato al Daily Telegraph. Henry Dare, mentre aveva gli occhi incollati al video dei terroristi, ha scorto improvvisamente un bambino di circa 5 anni, che senza alcun dubbio ritiene sia il figlio di sua figlia.

    In quelle immagini, secondo quanto dichiarato dal Corriere della Sera, è visibile anche il nuovo Jihadi John, Siddharta Dhar, un 32enne di origine indiane, che era stato arrestato nel settembre 2014 e poi rilasciato su cauzione.

    La figlia del taxista, Grace Dare, mamma del piccolo Isa, era di origini nigeriane, ma era cresciuta a Lewisham, sud-est di Londra. Da piccola aveva frequentato una scuola cattolica per volontà dei suoi genitori, Henry e Victoria, nigeriani e ferventi cattolici.

    Da adolescente aveva iniziato a frequentare una moschea e un gruppo di giovani del centro islamico di Levisham, esattamente quello da cui sono usciti i killer del machete del 2013.

    Improvvisamente Grace si converte all’Islam e mostra una certa predilezione per i gruppi fondamentalisti.

    A quel punto compare sul suo volto il burqa e nel 2012 fugge in Siria, con l’obiettivo di diventare una ‘sposa della jihad’.

    Da diverso tempo scriveva sui social network di voler essere la prima donna inglese nell’Isis a uccidere un ostaggio britannico o un americano. Lo scorso luglio aveva postato sul web anche la foto del piccolo Isa, soprannominato dalla stampa britannica ‘Jihadi junior’, che regge a fatica un Kalashnikov.

    La madre di Grace, rintracciata dai giornali britannici, ha dichiarato in lacrime: ‘È l’unica figlia che ho, il diavolo me l’ha portata via‘.

    Mentre il padre di Grace, il taxista che ha subito riconosciuto il nipotino nel video, ha dichiarato: ‘Sono preoccupato, più che arrabbiato, ma purtroppo non posso fare niente. Posso solo sperare che un giorno qualcuno li riporti indietro’.

    379

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InghilterraIsisJihad IslamicaMedio OrienteMondoRegno UnitoSiriaTerrorismo Islamico
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI