Canada: immigrati e rifugiati single restano fuori. Entrano solo donne e gay

Dopo i tragici fatti di Parigi il Canada rivede la politica sui rifugiati

da , il

    Canada: immigrati e rifugiati single restano fuori. Entrano solo donne e gay

    Il governo di Ottawa si era impegnato nei mesi scorsi ad accogliere 25 mila rifugiati entro la fine del 2015. Dopo gli attacchi terroristici degli ultime settimane a Parigi, Beirut, in Mali e in Tunisia, il Canada ha però deciso di cambiare rotta e modificare la politica di accoglimento degli immigrati rifugiati. Secondo le anticipazioni diffuse dalla Cbc, lo Stato nordamericano si prepara infatti ad adottare una nuova politica sui rifugiati siriani. L’accesso sul territorio sarà esclusivamente limitato a donne, bambini e famiglie. In pratica saranno respinti i maschi single. Ad eccezione dei gay.

    LEGGI ANCHE CHE DIFFERENZA C’E’ TRA PROFUGHI, RIFUGIATI E IMMIGRATI

    Questa decisione, secondo le autorità, mira a ridurre il rischio di far entrare potenziali jihadisti in Canada. Accettare solo donne, bambini, famiglie intere e uomini gay (anche single, ma dichiaratamente omosessuali) sarà quindi la politica di Ottawa nei prossimi giorni. La decisione ha suscitato le proteste degli stessi rifugiati, di una parte dell’opinione pubblica e di diverse associazioni per i diritti umani. C’è da ricordare che il Canada fa parte della coalizione guidata dagli Usa per condurre attacchi aerei contro i jihadisti in Siria e Iraq.

    Nel futuro, almeno 12mila profughi siriani potranno essere accolti nelle caserme del Paese: ad annunciarlo è il generale Jon Vance, Capo della Difesa, che ha indicato le basi militari e le strutture dei campi estivi dei cadetti come i luoghi adatti ad ospitare le persone che scappano dalla Siria in guerra. Il Paese ha già accolto circa 20mila rifugiati iracheni e 2.500 siriani. Secondo il sito web dell’Immigration and Refugee Board of Canada, sono state 19.900 le richieste di asilo analizzate solo nel 2014. Il Canada accoglierà 900 rifugiati siriani al giorno a partire dal prossimo mese di dicembre. Il progetto governativo, che dovrebbe avere un costo di 1,2 miliardi di dollari, prevede di far arrivare nel Paese 25 mila rifugiati dalla Giordania. Una volta arrivati a Montreal e a Toronto saranno trasferiti in due basi militari in Ontario e Quebec dove troveranno alloggio temporaneo.