Gruppi terroristici più pericolosi in Mali: Morabitun, Ansar Dine e Macina

Gruppi terroristici più pericolosi in Mali: Morabitun, Ansar Dine e Macina
da in Isis, Mondo, Terrorismo, Terrorismo Islamico
Ultimo aggiornamento: Venerdì 30/09/2016 07:17

    Mokhtar Belmokhtar

    In Mali agiscono diversi gruppi terroristici di matrice islamica che si ”dividono” il Nord e il Sud del Paese. L’attacco all’hotel Radisson bleu di Bamako è stato il terzo attacco dell’anno a obiettivi occidentali, ed è stato rivendicato da Morabitoun, che a capo vede Mokhtar Belmokhtar (detto il Guercio, nella foto). In questa parte di Africa Occidentale non è strano che gruppi qaedisti si fondano con altri movimenti islamici o anche con l’Isis. Vediamo nel dettaglio nelle pagine seguenti, chi sono questi jihadisti del terrore che insanguono le strade del Mali.

    Mali, attacco terroristico all'hotel Radisson a Bamako

    Morabitoun è un gruppo nato dalla fusione della Brigata dei Molathamun creata dal jihadista algerino Mokhtar Belmokhtar – dopo il suo allontanamento dai vertici di al-Qaeda nel Maghreb Islamico (Aqim) – con il Movimento islamico per Azawad, il Movimento per l’unicità e il jihad in Africa occidentale (Mujao, altra costola dell’Aqim). Il gruppo dei ‘Mourabitoun’ è apparso sulla scena durante il periodo dell’occupazione del nord del Mali da parte delle sigle salafite-jihadiste nel 2013. L’assalto all’hotel Radisson di Bamako è il secondo nel giro di pochi mesi contro un hotel di una catena internazionale in Mali. L’8 agosto scorso, uomini armati appartenenti al gruppo jihadista dei Mourabitoun assaltarono l’hotel Le Byblos a Sevare, nel centro del Paese, prendendo in ostaggio diverse persone, tra le quali alcuni dipendenti dell’Onu.

    Mali, attacco terroristico all'hotel Radisson a Bamako

    Ansar Dine è un gruppo fondamentalista islamico armato che ha collegamenti con al-Qaeda nel Maghreb islamico (Aqim). E’ guidato da Iyad ag Ghali, uno dei capi principali della rivolta tuareg del 1990-1995. Apparso sulla scena nel marzo del 2012, è una delle principali organizzazioni che hanno preso parte alla Guerra in Mali, unitamente al Movimento per l’Unicità e il Jihad nell’Africa Occidentale (MUJAO) e al Movimento Nazionale di Liberazione dell’Azawad (MNLA), quest’ultimo tuttavia fortemente marginalizzato dalla fine del giugno del 2012. Ansar Dine si batte per l’instaurazione della shari’a in Mali.

    Amadou Koufa

    Il Fronte di liberazione di Macina è un movimento armato nato nell’omonima regione centro meridionale e attivo soprattutto nel Sud del Mali, lungo la frontiera con il Burkina Faso. E’ guidato dal predicatore radicale Amadou Koufa. Si tratta di un membro influente della setta Dawa (una setta fondamentalista pakistana). Nelle mire di Koufa c’è la costituzione di uno stato islamico, per questo nel futuro potrebbe dare appoggio maggiore al Califfato. E’ attivo anche al di fuori del suo paese, specialmente in Pakistan e in Mauritania, dove ha moltiplicato in pochissimo tempo la sua rete di contatti.

    658

    PIÙ POPOLARI