La blogger mostra i lividi e lancia l’appello: ”Donne, lasciate gli uomini violenti”

La blogger mostra i lividi e lancia l’appello: ”Donne, lasciate gli uomini violenti”
da in Mondo, Violenza sulle donne
    La blogger mostra i lividi e lancia l’appello: ”Donne, lasciate gli uomini violenti”

    Emma Murphy è una giovane 26enne irlandese che vive a Dublino, e che ha pubblicato su Facebook un video in cui racconta la sua storia di ordinaria violenza domestica. Mostra coraggiosamente un grosso livido sull’occhio provocatole dal suo compagno e padre dei suoi due figli, che ha l’abitudine di picchiarla. E così vuole lanciare un appello a tutte le donne che si trovano a vivere una situazione simile alla sua.

    Ho pensato a lungo prima di pubblicare questo video, è molto difficile per me, ma devo fare ciò che è giusto. Se tu o qualcuno che conosci è in una situazione simile ti prego di condividere questo per ispirare altre donne del mondo, la violenza non è la risposta!”. E’ questo il commento che appare nella descrizione del video postato sul social network.

    Pensavo fosse l’amore della mia vita”, dice lei tra le lacrime, e invece è un uomo violento, che la picchia. ”L’anno scorso ho scoperto che mi tradiva”, racconta Emma. ”Lei mi ha chiamato tempo fa e mi ha detto di essere incinta.

    Anche io lo ero e per lo stress ho partorito in anticipo”. Nonostante tutto questo Emma decide di perdonare il compagno, ma poi scopre che la tradiva ancora. E così decide di affrontarlo, ma lui le ha dato semplicemente un pugno in faccia: ”Non era la prima volta, mi aveva picchiato anche un anno fa”, ricorda.

    Alla fine la ragazza ha capito che questo atteggiamento non è più accettabile, perché non è giusto alzare le mani su una donna: ”Nessun uomo deve alzare le mani su una donna. Così ho trovato il coraggio di lasciarlo e di tornare dalla mia famiglia e dagli amici che mi amano. Trovate il coraggio di lasciare le persone violente, specialmente se avete figli. Non è un bell’ambiente una famiglia violenta”.

    358

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MondoViolenza sulle donne
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI