Accordo Grecia UE: Tsipras presenta il piano di riforme ai creditori

Accordo Grecia UE: Tsipras presenta il piano di riforme ai creditori
da in Alexis Tsipras, Angela Merkel, Commissione Europea, Euro, Europa, Finanza, Francois Hollande, Germania, Grecia, Mario Draghi, Mondo, Riforme, Unione Europea
Ultimo aggiornamento:
    Accordo Grecia UE: Tsipras presenta il piano di riforme ai creditori

    Il premier greco, Alexis Tsipras, ha consegnato ai creditori internazionali una proposta di accordo che ha definito ‘realistica’ per far uscire la Grecia dalla crisi: ”non stiamo aspettando che loro facciano una proposta”. Il piano è stato consegnato ai rappresentanti dell’Unione europea e del Fondo monetario internazionale. Tsipras non ha parlato dei dettagli contenuti nel piano, ma secondo alcune fonti la proposta non contiene concessioni rilevanti su pensioni e politiche del lavoro. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, i creditori della Grecia avrebbero trovato un accordo su una proposta comune da sottoporre all’esecutivo ellenico. Stando all’autorevole testata, funzionari del Brussels group questa mattina avrebbero completato una bozza di progetto di piano di aiuti per Atene che prevedrebbe un allentamento degli obiettivi di bilancio. Tsipras conclude affermando che: ”La decisione finale per un accordo sul debito della Grecia rimane nelle mani dei leader europei”.

    La Grecia aveva ottenuto la possibilità di decidere una lista completa di riforme a fine marzo, in seguito ad un vertice notturno che si è svolto a Bruxelles e che ha tenuto impegnato il Consiglio Europeo. A volere la riunione era stato il Premier Alexis Tsipras, che ha avuto l’occasione di confrontarsi in Europa. Alla fine del confronto si è firmato un documento, che ribadisce i termini dell’accordo che l’Eurogruppo aveva già raggiunto il 20 febbraio scorso.

    LEGGI ANCHE: Cosa prevede il programma della Grecia presentato all’Unione Europea?

    Alla riunione hanno partecipato, oltre al Premier greco Tsipras, anche la cancelliera Angela Merkel, il Presidente Francois Hollande, Mario Draghi, Presidente della BCE, e i Presidenti del Consiglio dell’Unione Europea, della Commissione Europea e dell’Eurogruppo.

    Il documento che è stato oggetto della firma di tutti coloro che hanno partecipato al confronto punta soprattutto sullo spirito di fiducia reciproca, che ha visto l’impegno a rendere il lavoro più veloce, per concludere al più presto la questione. Molta responsabilità viene attribuita alle autorità greche, che saranno le dirette rappresentanti di alcune riforme importanti. E’ stata espressa da parte di tutti la volontà dell’Eurogruppo di riunirsi il prima possibile ed è stato riconfermato l’accordo preso in precedenza.

    Tsipras si è ritenuto soddisfatto ed ha espresso un atteggiamento ottimistico.

    Ha dichiarato inoltre che presto si sono create le condizioni per superare le difficoltà dell’economia greca. Secondo il Premier ellenico, tutti hanno voluto contribuire per restituire ad Atene la possibilità di tornare a finanziarsi sui mercati. Secondo la reazione di Angela Merkel, il clima è sereno. E’ stata chiara comunque la cancelliera, spiegando che non si concederanno nuovi aiuti finanziari, fino a quando non sarà approvata la lista completa delle riforme.

    Secondo il Presidente francese Hollande, le riforme greche dovrebbero essere messe a punto il prima possibile. Hollande ha affermato che tutti vogliono che la Grecia resti nell’euro e anche lo Stato ellenico vorrebbe poter realizzare questo desiderio. Il Presidente francese ha spiegato che si è deciso di accelerare il processo, perché non ci sarebbe più tempo da perdere.

    598

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI