La maestra che taglia i capelli in solidarietà con l’alunno preso di mira dai bulli

La maestra che taglia i capelli in solidarietà con l’alunno preso di mira dai bulli
da in Bullismo, Buone notizie, Mondo, Scuola
Ultimo aggiornamento:
    La maestra che taglia i capelli in solidarietà con l’alunno preso di mira dai bulli

    Tori Nelson è un’insegnante che lavora alla Winlock Elementary School di Washington. Quando ha trovato Matthew Finney, uno dei suoi studenti di quarta elementare, che piangeva fuori dall’aula, gli ha chiesto subito cosa fosse accaduto. Il bambino di nove anni si è nascosto sotto al suo cappello e ha confessato che altri bambini della quinta lo avevano preso in giro per via dei suoi capelli rasati a zero dalla mamma. Così ha trovato in breve tempo un modo per consolare il suo alunno.

    Secondo un regolamento interno, la scuola non consente di indossare cappelli in aula. Così la straordinaria maestra di 32 anni ha avuto un’idea geniale che poteva portare il suo alunno a sentirsi meglio e a non vergognarsi per i suoi capelli a zero. Lo ha portato fuori dalla scuola, insieme ad altri studenti, e si è fatta tagliare i capelli a sua volta, proprio dal ragazzino che era stato preso di mira dai bulli. Il piano ha funzionato, oltre ad essere un momento di divertimento per tutti i bambini, nessuno ha più preso in giro il ragazzino rasato, e Matthew ha anche acquisito maggior fiducia, nella maestro e soprattutto in se stesso.

    La mamma del bambino ha testimoniato che quel giorno lui è tornato a casa felicissimo, si sentiva veramente bene.

    Il preside della scuola ha elogiato l’insegnante, dichiarando che è una grande maestra, e da lei ci si può aspettare di tutto perché ha a cuore l’interesse dei bambini. Dal canto suo, al proposito del suo lavoro, Tori Nelson ha dichiarato: ”Devi fare quello che serve per raggiungere i bambini. L’insegnamento non è solo qualcosa che riguarda la lettura e la scrittura, si tratta di far crescere l’autostima e fare accettare le differenze”.

    354

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BullismoBuone notizieMondoScuola
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI