NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Madeline Stuart: ”Ho la sindrome di Down e voglio fare la modella”

Madeline Stuart: ”Ho la sindrome di Down e voglio fare la modella”
da in Modelle, Mondo, Sindrome Di Down
    Madeline Stuart: ”Ho la sindrome di Down e voglio fare la modella”

    Madeline Stuart è una ragazza che ha un sogno: diventare modella. Per questo motivo si è impegnata per tanti mesi per raggiungere il suo obiettivo, cambiando stile di vita e perdendo ben 20 chili. Con la sua scelta, e sostenuta dalla mamma, lei invita tutti a riflettere sul concetto di bellezza: ”È tempo che le persone capiscano che anche chi ha la sindrome di Down può essere sexy”.

    La mamma Rosanne ha raccontato che sua figlia, dopo aver perso 20kg, le ha annunciato di voler diventare una modella: ”Ama essere al centro dell’attenzione, sia recitando sia partecipando alle gare sia facendo la cheerleader. Le ho scattato milioni di foto, quindi è abituata a stare di fronte all’obbiettivo”, ha raccontato. ”Voglio che le persone capiscano che anche coloro che sono affetti da sindrome di Down possono essere celebrati – ha aggiunto Rosanne – Voglio che smettano di dispiacersi quando dico loro di avere una figlia down perché è un’affermazione fuori luogo.

    Maddy è sicura di se stessa, è più che felice di sfilare per casa con una mano dietro alla testa mostrandomi quanto sia meravigliosa e dicendomi ‘guardami’. Molti vedendomi per strada si intristiscono e si chiedono come faccia a gestire il tutto, io invece mi sento così triste per loro perché non potranno mai fare esperienza dell’amore incondizionato che è capace di donare una persona come Maddy”.

    Una foto pubblicata da Madeline Stuart (@madelinesmodelling_) in data:

    Ora la parola passa alle case di moda: ”Solo con l’aiuto dei social potrà farsi notare dalle case di moda. Vuole davvero cambiare il modo in cui la gente guarda di solito alla disabilità. Le persone affette da sindrome di Down possono fare tutto, hanno solo bisogno di poterlo fare al loro ritmo. Dategli una chance e anche le vostre più alte aspettative saranno ricompensate”, conclude saggiamente Rosanne.

    556

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ModelleMondoSindrome Di Down
    PIÙ POPOLARI