Russia: parata militare nel Giorno della Vittoria boicottata dai leader occidentali

Russia: parata militare nel Giorno della Vittoria boicottata dai leader occidentali
da in Europa, Mondo, Russia, Vladimir Putin
Ultimo aggiornamento:

    La Russia celebra l’anniversario dei 70 anni dalla fine della Seconda guerra mondiale e la vittoria sulla Germania nazista, con una grande parata nella Piazza Rossa di Mosca, la parata militare più grande della sua storia nel Giorno della Vittoria. I leader occidentali hanno deciso di boicottare l’evento in risposta all’intervento di Mosca in Ucraina. Il selciato della Piazza rossa sta accogliendo il più grande sfoggio di potenziale militare del pianeta ma, a eccezione della Cina, sono assenti tutti i principali dirigenti mondiali.

    I ministri degli Esteri di Italia e Francia, Paolo Gentiloni e Laurent Fabius, non presenziano alla parata, ma parteciperanno alla cerimonia di deposizione dei fiori alla Tomba del Milite Ignoto, nei Giardini Aleksandrovskij, e al successivo ricevimento al Cremlino con i capi delle delegazioni e il corpo diplomatico. Domenica 10 maggio sarà invece la cancelliera tedesca Angela Merkel a deporre una corona di fiori al milite ignoto prima di essere ricevuta da Putin.

    Tra i leader che invece oggi assistono alla parata ci sono il presidente cinese Xi Jinping, il presidente cubano Raul Castro e il venezuelano Nicolas Maduro, oltre ai leader di India, Egitto, Sudafrica e Vietnam. Non partecipa, nonostante inizialmente si fosse ventilata la sua presenza, il leader nordcoreano Kim Yong-un, anche se la Nord Corea ha mandato un alto rappresentante. Questo scenario contrasta in modo netto con il 60esimo anniversario, celebrato nel 2005, quando alla parata nella Piazza rossa parteciparono l’allora presidente Usa George W. Bush, il tedesco Gerhard Schroeder, il francese Jacques Chirac e il giapponese Junichiro Koizumi. Nella Seconda guerra mondiale l’esercito dell’Urss vinse sull’invasore tedesco prendendo Berlino, capitale del III Reich, ma la Russia registrò 27 milioni di morti fra soldati e civili.

    I numeri sono da record: in piazza ci sono 15 mila soldati russi, 1.300 militari stranieri, circa 200 mezzi corazzati e 143 tra aerei ed elicotteri per quella che è stata annunciata come la più imponente parata della Russia contemporanea. La parata militare di oggi è per la Russia anche un’occasione per sfoggiare l’arsenale bellico: il pezzo forte della sfilata è il carro armato T-14 Armata, nuova punta di diamante dell’esercito russo, oltre a nuovi mezzi corazzati e complessi missilistici all’avanguardia.

    Per la prima volta nelle commemorazioni per il termine della Seconda guerra mondiale a Mosca, alla parata militare di oggi ella Piazza rossa è stato osservato un minuto di silenzio in memoria dei caduti. Vladimir Putin prima aveva affermato davanti a migliaia di invitati e veterani di guerra che “l’avventura hitleriana è stata una lezione orribile per tutta la comunità internazionale” aggiungendo che ora, 70 anni dopo, “la storia fa appello nuovamente alla nostra ragione e alla nostra vigilanza“.

    465

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EuropaMondoRussiaVladimir Putin
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI