Morto il papà blogger malato di cancro che ha commosso il web: ‘Fate felici i miei figli’

Morto il papà blogger malato di cancro che ha commosso il web: ‘Fate felici i miei figli’
da in Internet, Malattie, Mondo, Tumore, World Wide Web
Ultimo aggiornamento:
    Morto il papà blogger malato di cancro che ha commosso il web: ‘Fate felici i miei figli’

    Oren Miller, il papà blogger che nel 2014 aveva scoperto di avere un cancro al polmone al quarto stadio, e che aveva commosso il web con una lunga lettera e un appello lanciato in Rete in favore della sua famiglia, ha lasciato questa terra lo scorso sabato 28 febbraio 2015. Ricordiamo la sua storia e le sue toccanti parole.

    Oren Miller ha avuto il tempo di fare un bilancio della sua vita, prima di andarsene ha voluto lanciare un appello al mondo intero, ma forse è meglio considerarlo un ultimo saluto, una meravigliosa lettera d’amore per la sua famiglia. Eccone alcune parti:

    Ho avuto la vita migliore che si possa desiderare, ma c’è solo una cosa, qualcosa per cui darei la vita: vedere i miei figli crescere.

    Ho cresciuto dei bambini felici. Come tutti, a volte si lamentano ma, in generale, sono felici. Sono il mio capolavoro: due bambini amabili, svegli, intelligenti, divertenti e felici. E non posso lasciare che questo finisca, non posso permettere che crescano infelici. Non posso lasciare che ci sia un buco nel loro cuore al posto del padre, che ricorderanno a malapena. Voglio che siano felici. Voglio esserci per renderli felici.

    Voglio che mia moglie sia felice, perché lo merita. Vorrei poterla rendere felice proprio ora.

    Credo che accettazione e tristezza possano coesistere. La tristezza è inevitabile, sono un essere umano e cercare disperatamente di elevarsi al di sopra di questa condizione fa solo più male. Ma accetto. Accetto che la vita sia limitata, che il mio momento stia per arrivare. Accetto che la mia esistenza sia stata e continui ad essere un dono, così come accetto l’eventualità di non veder crescere i miei figli.

    Dovrei lamentarmi? Dovrei urlare al cielo: “Perché proprio io?” O dovrei sentire che sto vivendo il meglio della mia vita, proprio ora, soprattutto ora, ora che sono confuso, stanco e un po’ triste?

    Quello che succederà al mio corpo nei prossimi mesi è ancora relativamente ignoro. Ma ecco quello che sappiamo, invece:

    Sappiamo che sono il più grande figlio di p… che abbia mai calpestato questa terra, sappiamo che sarò amato fino all’ultimo dalle persone che ho avuto l’immenso privilegio di conoscere: una moglie che adoro e due figli che mi stupiscono in ogni momento.

    Voglio farvi solo una richiesta. La mia bambina è timida. Potreste vederla giocare da sola. Andate da lei, giocate con lei.

    Ha bisogno di voi.

    Il mio ragazzo è molto sensibile. Ricorderà qualsiasi cosa gli venga detta, analizzandola per mesi in quella sua testolina geniale. Non scherzate con lui solo per divertirvi o lo danneggerete. Rispondete alle domande che vi pone, o cercate di indicargli la direzione per trovare delle risposte. Gli piace giocare, ma dovrete trattarlo come un adulto. E’ più sveglio di me… e probabilmente anche di voi.

    A mia moglie concedete una pausa. Lasciate che stacchi un po’. E’ una personalità di tipo A sul lavoro, ma a casa vuole solo relax e divertimento. Aiutatela in questo. Vorrà farsi carico di tutte le responsabilità, non lasciate che lo faccia. Ditele di rilassarsi, di prendersela comoda. Aiutatela a godersi la vita. E non la etichettate o rinchiudete. Non usate quella “parola che inizia per V” (vedova). Quella parola non la rappresenta. Lei non è una banale semplificazione. Sapete chi è, invece? La figlia che ogni genitore desidera, la madre che ogni bambino si aspetta. Anche se sono stato a casa e ho fatto la mia buona parte per tirare su questi bambini meravigliosi, senza di lei non sarebbe stato possibile. Continuerà a tirarli su e loro cresceranno, diventando adolescenti ed adulti magnifici, grazie alla loro mamma. E lei è la donna dei miei sogni”.

    643

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InternetMalattieMondoTumoreWorld Wide Web
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI