Fatti più importanti del 2014: ricordiamoli tutti

Fatti più importanti del 2014: ricordiamoli tutti
da in Mondo
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30/03/2016 08:58

    Se sarà davvero l’anno della “(s)volta buona”, così come ci è stato promesso, sarà solo il tempo a poterlo stabilire, ma di sicuro il 2014 è stato un anno ricco di eventi e avvenimenti: alcuni felici e ricchi di speranza per il futuro, altri drammatici o addirittura sconcertanti (ultimi l’assassinio di Andrea Loris Stival e lo scandalo Mafia Capitale). Quello che è sicuro è che noi di NanoPress.it tutti questi avvenimenti li abbiamo seguiti con dedizione e voglia di verità, 365 giorni su 365, 24 ore su 24.

    Il 2014, infatti, è stato un anno importante anche per noi che abbiamo completamente rinnovato il sito, dandogli una nuova veste grafica e migliorando la fruizione anche da smartphone e tablet, e aumentato l’utilizzo di video e foto per essere sempre più chiari e diretti. È stato l’anno delle inchieste innovative e delle grandi interviste, da quella al Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, a quella al Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti, passando per molti personaggi dello spettacolo e della televisione e della moda. È stato l’anno di Under, la web series tratta dal romanzo di Giulia Gubellini, e della sezione Opinioni, in cui tutti possono dire la loro.

    Tutto questo con un solo scopo: informarvi, in modo preciso ma alternativo, diretto, accattivante. MA ORA RIPERCORRIAMO INSIEME, NELLE PROSSIME PAGINE, TUTTI I FATTI PIÙ IMPORTANTI DEL 2014!

    Il 5 gennaio Pierluigi Bersani viene colpito da un grave malore. L’ex segretario del PD è stato ricoverato ed operato d’urgenza per un aneurisma cerebrale. L’intervento chirurgico è stato complesso, a detta degli stessi esperti. Comunque è andato tutto per il verso giusto. Bersani da subito è stato in condizioni stabili, come hanno aggiornato i continui bollettini medici che sono arrivati dall’Ospedale Maggiore di Parma.

    Il 20 gennaio la Corte Suprema indiana ha deciso di dare tempo all’amministrazione in modo da risolvere il conflitto interno sull’utilizzo della Sua Act, la procedura che in India prevede la pena di morte e che si aveva intenzione di applicare nel caso dei due marò italiani, Latorre e Girone, ritenuti responsabili di omicidio. Il 28 marzo c’è una svolta nel caso, perché la Corte Suprema accoglie il ricorso presentato dai due fucilieri contro l’uso della polizia antiterrorismo. Nel frattempo i giudici sospendono il processo dei marò presso il tribunale speciale. Il 12 settembre i giudici acconsentono il rientro in patria di Massimiliano Latorre per 4 mesi in seguito a dei problemi di salute. LEGGI ANCHE: Marò italiani in India: ultime notizie e la storia completa

    Il 30 gennaio la Corte d’Assise d’Appello di Firenze è intervenuta con la sua sentenza nell’ambito del processo Meredith. Ha rovesciato il precedente grado di giudizio, affermando la colpevolezza degli imputati: Amanda Knox è stata condannata a 28 anni e 6 mesi di reclusione e Raffaele Sollecito a 25 anni. Per Sollecito sono scattati anche il divieto di espatrio e il ritiro del passaporto. E’ stata riaffermata la presenza del dna di Amanda Knox sul coltello considerato l’arma del delitto. Il movente dell’omicidio di Meredith Kercher viene considerato una lite per le pulizie in casa. Il 16 giugno gli avvocati di Knox e Sollecito depositano un ricorso in Cassazione, chiedendo l’assoluzione per i loro clienti. LEGGI ANCHE: Delitto di Perugia, Raffaele Sollecito si laurea con una tesi su Meredith

    L’1 febbraio Beppe Grillo ha scritto su Facebook: “Cosa succederebbe se ti trovassi la Boldrini in macchina?”. I seguaci del leader del Movimento 5 Stelle si sono scatenati in gravi insulti sessisti nei confronti della Boldrini. C’è anche chi è andato oltre, facendo espliciti riferimenti ad atteggiamenti violenti. Alcuni hanno difeso la Presidente della Camera e attaccato Grillo. Alla fine lo staff comunicazione del M5S ha detto di prendere le distanze dalle offese, cancellando i messaggi pubblicati sul social network.

    Nel febbraio 2014 scoppia la più grave epidemia di Ebola in Africa occidentale. Dalla Guinea, la febbre emorragica si espande in Liberia, Sierra Leone e Nigeria, arrivando a oltre 15mila morti accertati. I paesi più colpiti mettono in moto le misure di contenimento, l’OMS studia un piano di aiuti a cui partecipano molte potenze occidentali e si attivano i protocolli di sicurezza. Nei mesi successivi si moltiplicano i controlli alle frontiere, ma si registrano alcuni casi in Europa e negli Stati Uniti: il primo è un missionario spagnolo, Miguel Pajares, morto a seguito della malattia a Madrid: a ottobre si ammala un’infermiera, guarendo a seguito delle cure. Si contano i primi malati negli USA, dove a ottobre muore il paziente zero in Texas: altri medici e infermieri statunitensi si ammalano ma guariscono. A novembre il primo caso in Italia, un medico di Emergency, ancora in cura all’ospedale Spallanzani di Roma. Tra ottobre e dicembre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara chiusa l’emergeza ebola in Nigeria e Senegal.

    La Russia ospita la XXII edizione delle Olimpiadi invernali a Sochidal 7 al 23 febbraio 2014. L’evento sportivo è stato fortemente voluto, seguito e curato da Vladimir Putin che vuole dare l’immagine di un Paese forte e coeso. Alla vigilia dei Giochi di Sochi però c’è stata la violenta repressione di Euromaidan a Kiev, che ha poi portato allo scoppio della crisi ucraina e alla deposizione del presidente ucraino filorusso Viktor Janukovyc; molti sportivi ucraini hanno abbandonato le gare per protesta. Non sono mancate forti polemiche e proteste a livello internazionale per la legge omofoba approvata dalla Duma: forte anche la paura di attentati terroristici che però non si sono avuti. Molte le imprese compiute a livello sportivo, con la Russia prima nel medagliere complessivo (33 totali, 13 d’oro); otto le medaglie italiane di cui due argenti e sei bronzi. Da ricordare il terzo posto di Armin Zoeggeler: per la leggenda dello slittino, ritiratosi a 41 anni dopo Sochi, è la sesta medaglia in sei edizioni dei Giochi.

    E’ stata un’operazione record da 14 milioni di euro quella che ha portato Facebook a comprare WhatsApp, il 19 febbraio. A sorpresa la società del noto social network ha annunciato di aver comprato il sistema di messaggistica più famoso al mondo. Tutto ciò darà la possibilità a Facebook di accedere a 450 milioni di persone che ogni mese usano il famoso servizio. WhatsApp porterà al social tantissime risorse in termini di capitale umano, perché è in grado di raggiungere un miliardo di persone. L’acquisizione, come ha sottolineato una nota di Facebook, ha avuto l’obiettivo di rafforzare la connettività nel mondo, sviluppando i servizi di rete in modo efficiente.

    Dopo un anno di fibrillazioni politiche, il 22 febbraio 2014 l’Italia ha un nuovo Presidente del Consiglio: è Matteo Renzi, eletto segretario del PD alle primarie del dicembre 2013, che prende il posto del collega di partito Enrico Letta. Ex sindaco di Firenze, il “Rottamatore” arriva a Palazzo Chighi dopo una mozione di sfiducia lanciata dalla direzione dei dem e approvata a larga maggioranza, nonostante a gennaio il neo segretario avesse rassicurato sulla tenuta del governo Letta (l’hastag #enricostaisereno). Fiorentino, 39 anni (è il più giovane Presidente del Consiglio della storia repubblicana), Renzi lancia l’agenda di governo che prevede numerose riforme, a partire dalla legge elettorale e la riforma Costituzionale, stringendo con Silvio Berlusconi il Patto del Nazareno. Dal 1° luglio 2014 presiede la Presidenza Italiana del Consiglio Europeo, lasciandola il 31 dicembre. La riforma del lavoro, il cosiddetto Jobs Act, in via di approvazione, spacca il PD sull’articolo 18 e crea un clima molto teso con i sindacati, in particolare con la Cgil di Susanna Camusso.

    Il 3 marzo 2014 il film “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino vince l’Oscar come miglior film straniero. Dopo 15 anni la statuetta più ambita del cinema internazionale torna in Italia: era il 1999 quando Roberto Benigni trionfò a Los Angeles con il suo “La vita è bella”. La pellicola di Sorrentino racconta il nuovo volto di Roma, tra magnificenza e degrado, offrendo uno spaccato non solo della Capitale ma della società italiana. Apprezzato e amato in patria e ancora di più all’estero, il film aveva già fatto incetta di premi: quattro Efa (gli Oscar europei) come miglior film, migliore attore, miglior regista e miglior montaggio,Golden Globe come miglior film straniero (non accadeva dal 1989 con Nuovo cinema paradiso di Tornatore) e il Bafta (l’Oscar del cinema inglese).

    Malesia, ricerche aereo scomparso: pista terrorismo

    Il volo Malaysia Airlines 370 è stato dato per disperso il giorno 8 marzo 2014. Il volo era in viaggio dalla Malesia alla Cina. Inizialmente si era ipotizzato che l’aereo potesse essersi inabissato, ma non veniva escluso che potesse essere stato dirottato verso un luogo di atterraggio sconosciuto. Ne seguirono 16 giorni di ricerche e il 24 marzo 2014 il primo ministro malese ha riferito che, in seguito alla visione dei dati provenienti dai satelliti, si doveva concludere che l’aereo fosse precipitato inabissandosi nell’Oceano Indiano meridionale. Sul caso sono rimasti parecchi dubbi e qualcuno ha avanzato anche delle ipotesi cospirazionistiche. LEGGI ANCHE: Scompare aereo della Malaysia Airlines: si segue l’ipotesi terrorismo

    La crisi in Ucraina, detta anche guerra dell’Ucraina orientale, ha avuto inizio il 6 aprile 2014. Si tratta di un conflitto ancora in corso. Tutto è iniziato quando, secondo ciò che hanno riferito le testimonianze, alcuni manifestanti armati si sono impadroniti di alcuni palazzi governativi dell’Ucraina orientale. Tra il 22 e il 25 agosto, l’artiglieria russa e un convoglio umanitario sono stati segnalati da ufficiali della Nato, per aver attraversato il confine in territorio ucraino, senza ottenere il permesso del governo. Ne è seguito un vero e proprio conflitto con bombardamenti sulle posizioni ucraine dal lato russo. Il capo del servizio di sicurezza dell’Ucraina ha detto che gli eventi del 22 agosto si possono definire una vera e propria invasione diretta da parte della Russia in Ucraina. LEGGI ANCHE: Guerra in Ucraina 2014: perché si rischia la terza guerra mondiale? Tutte le cause

    Il 27 aprile 2014 Roma e il Vaticano vive una giornata storica con la canonizzazione di due Papi, Papa Giovanni XXIII e Papa Giovanni Paolo II, fortemente volute da Papa Francesco. La capitale e piazza San Pietro accolgono i fedeli, tutti il mondo segue la cerimonia in quella che passa alla storia come la giornata dei quattro Papi: alla cerimonia è infatti presente anche il Papa emerito Benedetto XVI.

    LEGGI anche –> La cerimonia nella giornata dei quattro Papi

    A maggio un episodio di violenza contro le donne in India in un villaggio nella zona nord orientale del Paese. Due ragazzine sono state stuprate da un gruppo di persone, che poi ha impiccato le due vittime. Secondo i media locali, ci sarebbero stati anche due agenti di polizia fra i responsabili delle crudeltà. A febbraio una bambina di 9 anni era stata ridotta in fin di vita, dopo essere stata violentata da un giovane a New Delhi. La vittima aveva riportato molte lesioni interne in seguito all’aggressione sessuale, avvenuta mentre stava giocando in un cortile con due amichette. LEGGI ANCHE: Violenza sulle donne in India: dagli stupri alle lapidazioni, i casi più eclatanti

    Il 3 maggio 2014 Napoli e Fiorentina si sfidano all’Olimpico di Roma nella finale di Coppa Italia. Prima della partita si scatenano scontri tra ultras partenopei e alcuni tifosi della Roma: un supporters del Napoli, Ciro Esposito, viene raggiunto da colpi di pistola sparati da Daniele De Santis, ex capo della curva giallorossa. La notizia del ferimento raggiunge lo stadio e gli altri tifosi che stanno entrando nell’impianto e che hanno già avuto scontri per le strade: su tutti Gennaro Di Tommaso, capo ultras napoletano noto come Genny a’ Carogna. Gli scontri alimentano un clima di tensione anche all’interno dello stadio: si discute se far giocare il match, la Polizia è impegnata a sfollare i violenti, lanci di lacrimogeni, urla. Alla fine, si raggiunge un accordo: a far da tramite è proprio Genny a’ Carogna che “dà il via libera” perché la partita abbia inizio. Le immagini trasmesse dalle tv mostrano la maglietta indossata dal capo ultras con la scritta “Speziali Libero”, in riferimento al tifoso condannato in via definitiva per la morte dell’ispettore Filippo Raciti. Per lui scatta l’ennesimo Daspo e il 22 settembre arriva anche l’arresto. Il 25 giugno Ciro Esposito muore in ospedale.

    LEGGI anche –>: - De Sanctis sparò prima di essere aggredito - Chi è Genny a’ Carogna?

    Expo 2015: corruzione e illegalità

    A un anno dal via dell’Expo di Milano scoppia uno scandalo tangenti sulla manifestazione. Gli inquirenti della Procura di Milano portano allo scoperto la “cupola degli appalti“, un sistema di corruzione e tangenti con cui si vogliono dare gli appalti per la realizzazione dei padiglioni e delle strutture. Perquisizioni e arresti arrivano fino ai vertici dell’organizzazione, a partire da Angelo Paris, a capo dell’ufficio contratti della società Expo 2015, Gianstefano Frigerio, ex parlamentare DC, e Primo Greganti, ex parlamentare PCI. Fermati tra gli altri anche Antonio Acerbo, ex subcommissario già dimessosi dopo aver lasciato l’incarico di responsabile del Padiglione Italia, Domenico Maltauro e Andrea Castellotti, il primo imprenditore e il secondo manager commerciale impegnato anche lui in Padiglione Italia. Gli inquirenti hanno ricostruito un sistema di corruzione a cui si aggiungono legami con la ‘ndrangheta che, dal Comasco, sarebbe arrivata fino a Expo. Il governo è intervenuto affidando a Raffaele Cantone la carica di “controllore”, creando una task force che ha ripulito gli appalti dalla corruzione e dalle infiltrazioni criminali.

    LEGGI anche –> Scandalo tangenti Expo, riassunto della vicenda che ha travolto la manifestazione

    L’8 maggio 2014 l’ex ministro Claudio Scajola viene arrestato dagli uomini della Dia di Reggio Calabria: l’accusa è di aver favorito la latitanza di Amedeo Matacena, ex parlamentare di Forza Italia latitante a Dubai. Il nome di Scajola finisce al centro dell’indagine denominata Breakfast che punta a ricostruire i tragitti dei capitali illeciti delle cosche, la stessa che ha portato a indagare sull’ex tesoriere della Lega Nord Francesco Belsito. Nel corso delle indagini vengono trovate nei suoi appartamenti diverse carte, dal dossier sul caso Marco Biagi a documenti su Silvio Berlusconi, da informative su avversari politici a faldoni risalenti ai fatti accaduti a Genova durante il G8 del 2001. Gli inquirenti indagano anche sul possibile reato di omicidio per omissione a proposito della morte del giuslavorista Marco Biagi: secondo gli inquirenti, l’ex ministro sapeva del pericolo che avrebbe corso quando decise di revocargli la scorta.

    LEGGI ANCHE –> Le accuse a Claudio Scajola

    Il 24 maggio il Real Madrid vince la decima Champions League della sua storia, conquistando un 4-1 contro l’Atletico Madrid nel derby di Lisbona. E’ stato un vero e proprio trionfo per Carlo Ancelotti, che può vantare tre Champions League nella sua carriera. Nessuna squadra nel mondo ha mai conquistato questo numero di coppe. LEGGI ANCHE: Real Madrid vince la Champions League 2014: 4-1 all’Atletico, Ancelotti in paradiso

    Dal 22 al 25 maggio 2014 l’Europa vota per rinnovare il Parlamento. In Italia è la prima prova delle urne per Matteo Renzi e il PD di governo che risulterà vincente. Il partito del premier vince con un netto 40,8%, la più alta percentuale dalla fondazione, surclassando tutte le altre forze politiche nazionali. In calo il M5S che però regge ancora e si ferma al 21,1%; molte le polemiche per la scelta di Beppe Grillo di entrare nel gruppo degli euroscettici con l’Ukip di Nigel Farange. Nel centrodestra Forza Italia crolla al 16,8%, mentre la Lega Nord di Matteo Salvini inizia una lenta ma costante risalita, arrivando al 6,2% e alleandosi con il Front National di Marine Le Pen. In Europa il PPE ottiene la maggioranza dei seggi (221), ma è tallonato dai socialisti del PSE (191) tra cui il PD risulta il primo partito: si profila il nome di Jean-Claude Junker, vicino ad Angela Merkel, come Presidente della Commissione Europea. In Italia si vota anche per le regionali in Piemonte che vedono la vittoria del candidato demSergio Chiamparino, e per le amministrative in cui il partito di Renzi conquista la maggioranza dei grandi centri.

    LEGGI anche –> - PD, mai così bene - Effetti Renzi anche nei Comuni - Tutti i parlamentari Europei

    Il 16 giugno 2014 è stato arrestato Massimo Giuseppe Bossetti, muratore di Mapello, con l’accusa di aver ucciso la piccola ginnasta di Brembate di Sopra, Yara Gambirasio. Bossetti si proclama da subito innocente, anche se rimangono tutt’ora parecchi dubbi sulle versioni rese dal carpentiere. Ad inchiodarlo in particolare è stata la prova del dna. Bossetti è stato fermato per un controllo, architettato appositamente per prelevargli della saliva e ottenere l’esame del dna. Quest’ultimo ha rivelato che proprio Bossetti sarebbe Ignoto 1, figlio di Giuseppe Guerinoni, che gli investigatori hanno da sempre ritenuto il padre dell’assassino della ragazzina. Proprio sulla ricerca del dna si sono concentrate negli ultimi mesi le indagini, per arrivare a scoprire il presunto assassino. LEGGI ANCHE: Massimo Giuseppe Bossetti ultime notizie: tutte le prove contro l’assassino di Yara Gambirasio

    Il 16 giugno Marco Belinelli è entrato nella storia dello sport, visto che è diventato il primo cestista italiano a conquistare un titolo Nba. Con i suoi Spurs di San Antonio, il campione ha conquistato un record, togliendo dal podio i Miami Heat di Lebron James, che per due anni di seguito avevano conquistato la vittoria. LEGGI ANCHE: NBA Finale 2014: San Antonio batte Miami 4-1

    Fin dall’inizio del 2014 il mondo scopre la violenza dell’Isis, lo Stato Islamico dell’Iraq e della Siria. A capo dell’organizzazione terroristisca di matrice islamica si trova attualmente Abu Bakr al-Baghdadi, autoproclamatosi califfo dello stato. È però nel giugno 2014 che al-Baghdadi proclama ufficialmente la nascita del califfato in un’escalation di violenze che costringono a un primo intervento da parte degli USA con i droni. Milizie ben armate, rapimenti, violenze sui civili, stupri, affari milionari con il contrabbando di petrolio, uccisione di ostaggi stranieri ed esecuzioni sommarie sono i metodi della violenza portata avanti dai terroristi che scatenano la guerra in Iraq e Siria per portare a compimento il progetto di uno stato sunnita sovrano. Nei mesi successivi si susseguono le notizie di cittadini occidentali partiti come combattenti della jihad islamica dell’Isis; il gruppo usa molto il web e fa propaganda anche attraverso video e social network.

    Il campionato mondiale di calcio 2014, detto anche coppa del mondo FIFA del 2014, si è svolto dal 12 giugno al 13 luglio di quest’anno. E’ stata la 20esima edizione della manifestazione. La Spagna, squadra nazionale campione in carica, è stata eliminata al primo turno, dopo aver perso le partite giocate con i Paesi Bassi e con il Cile, che si sono concluse rispettivamente 1-5 e 0-2. La Germania è riuscita a conquistare il suo quarto titolo mondiale, superando le diverse fasi del campionato senza sconfitte e battendo per 1-0 l’Argentina ai tempi supplementari della finale. Per la prima volta una squadra europea ha vinto un mondiale in Sud America. L’Italia è uscita dalla competizione nel primo turno, dopo una sconfitta con l’Uruguay (1-0). LEGGI ANCHE: Mondiali 2014, Germania vs Argentina 1-0: decide Goetze al 113′

    L’8 luglio 2014 le Forze di Difesa Israeliane hanno iniziato una campagna militare contro i guerriglieri palestinesi di Hamas. L’intento era quello di fermare il lancio di missili dalla Striscia di Gaza. Ben presto, però, si è giunti ad un conflitto di dimensioni enormi, fatto di apparenti riconciliazioni e di continue violazioni. Il tutto ha avuto un grande impatto sugli abitanti di Gaza e su quelli di Israele e i fatti hanno suscitato ampie reazioni di carattere internazionale. Il conflitto è terminato il 26 agosto, con un accordo per una tregua duratura. LEGGI ANCHE: Guerra Israele Palestina oggi: ultime news dalla Striscia di Gaza

    Il 23 luglio il relitto della Costa Concordia ha lasciato l’isola del Giglio a 2 anni e mezzo dal tragico incidente del 13 gennaio 2012. La nave è stata fatta ruotare di 90 gradi verso est e poi è stata trainata da due rimorchiatori, per essere portata nel porto di Genova, dove sarà smantellata. Ad accompagnarla oltre una decina di imbarcazioni. LEGGI ANCHE: Costa Concordia recupero: l’arrivo a Genova dopo la rimozione

    Ciclismo, Nibali trionfa al Tour de France 2014

    Il 27 luglio Vincenzo Nibali ha conquistato il Tour de France, arrivato alla sua 101esima edizione. Sono passati 16 anni dal trionfo di Marco Pantani, quando il famoso campione ha vinto la corsa a tappe più prestigiosa del mondo. Nibali, con la sua vittoria, è il settimo italiano a vincere il Tour e il sesto corridore della storia a vincere tutti e tre i Grandi Giri. LEGGI ANCHE: Vincenzo Nibali vince il Tour de France 2014, sedici anni dopo Pantani

    Ad agosto è accaduta una tragedia nel Mediterraneo. La Marina Militare ha recuperato a sud di Lampedusa i cadaveri di 18 migranti, che si trovavano a bordo di un gommone. Si pensava allora che, oltre ai corpi recuperati, ce ne potessero essere anche altri e si ipotizzò che potessero essere oltre 250 le persone che avessero perso la vita. Il comandante della nave che ha prestato i soccorsi all’imbarcazione a sud di Lampedusa ha riferito che gli uomini della Marina hanno tratto in salvo, attraverso il lancio di zattere, 73 migranti e hanno scoperto che a bordo c’erano anche 18 cadaveri. Dopo questo ennesimo naufragio, è intervenuta anche la Commissione UE, che ha ringraziato l’Italia per gli sforzi messi in atto per assistere e salvare i migranti. LEGGI ANCHE: Quanto costano gli immigrati in Italia: tutti i conteggi

    L’ice bucket challenge è stata la moda del momento ad agosto. Consiste in una sfida a rovesciarsi addosso un secchio di acqua gelata con i cubetti di ghiaccio, in modo da creare un effetto paralizzante nei confronti dei muscoli del corpo. L’obiettivo è stato quello di raccogliere fondi contro la Sla, la sclerosi laterale amiotrofica. Per contrastare questa malattia la ricerca ha bisogno di sostegno. L’ice bucket challenge, nata come una sfida, ha risposto poi all’obiettivo di sensibilizzare i più per donare soldi a favore della ricerca. Alla doccia gelata si sono sottoposti anche personaggi famosi, come Mark Zuckerberg e Bill Gates. In Italia anche il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha fatto sentire il suo sostegno con l’acqua gelata. LEGGI ANCHE: Ice Bucket Challenge? Tante docce fredde ma poche donazioni contro la SLA

    Ad agosto gli Stati Uniti vedono il montare delle proteste della comunità afroamericana partite da Ferguson, sobborgo di St Louis, nel Missouri, dopo la morte di Michael Brown, 18enne di colore ucciso da un poliziotto bianco, Darren Wilson, il 9 agosto 2014 nonostante fosse disarmato. La comunità nera insorge, si scatenano proteste pacifiche al grido “Hands Up, Don’t Shoot“, che però per giorni vedono anche crescere la rabbia con scontri e saccheggi. La morte di Brown non è l’unica avvenuta a Ferguson e sembra riportare gli USA indietro di cinquant’anni. In tutti gli Stati Uniti si moltiplicano cortei e manifestazioni contro la violenza della Polizia nei confronti dei neri. A novembre, l’agente Wilson non viene incriminato dal Gran Jury e riesplodono le proteste anche a seguito di un altro episodio avvenuto a New York dove Eric Garner, un uomo di colore, viene ucciso durante l’arresto. “I can’t breath“, il suo ultimo grido di dolore, ripreso dai telefonini e che fa il giro del web, diventa un altro slogan delle proteste.

    LEGGI anche –> Casi di polizia violenta contro gli afroamericani in USA

    La notte tra il 4 e il 5 settembre 2014 Davide Bifolco, un ragazzo di 17 anni, muore a Napoli raggiunto da un colpo di pistola partito, sembra accidentalmente, a un carabiniere durante un inseguimento. Il giovane si trovava su un motorino insieme ad altri due ragazzi e non si sarebbero fermati all’alt intimato dalla pattuglia: l’inseguimento, il colpo che parte e che raggiunge il 17enne che muore poco dopo. Nel Rione Traiano, dove abitava il giovane, scoppiano manifestazioni di protesta, con qualche momento iniziale di tensione con le forze dell’ordine. Per giorni il quartiere di Napoli è al centro dei media, alla ricerca della verità su una vicenda che ha scosso l’opinione pubblica.

    LEGGI ANCHE: La morte di Davide Bifolco a Napoli

    Le proteste ad Hong Kong si sono svolte nel settembre del 2014, quando gli attivisti favorevoli alla democrazia hanno manifestato davanti alla sede del governo e hanno occupato diverse strade principali. Il motivo della protesta è stato rappresentato dalla decisione del comitato permanente dell’assemblea nazionale del popolo sulla riforma elettorale proposta per le prossime elezioni del 2017. Si sarebbe chiesta l’autorizzazione per approvare in via preventiva al massimo le nomine di 3 candidati alle elezioni, prima di coinvolgere la popolazione. Inoltre veniva chiesto che dopo le elezioni il capo dell’esecutivo fosse nominato dal governo centrale, prima di assumere ufficialmente la carica. LEGGI ANCHE: Cosa sta succedendo a Hong kong? I motivi della protesta contro Pechino

    Il referendum per l’indipendenza della Scozia si è svolto il 18 settembre del 2014. L’obiettivo era quello di decidere se la Scozia dovesse separarsi dal Regno Unito, per diventare uno Stato indipendente. Il 55,3% dei votanti si è espresso a favore dell’unione della Scozia con il Regno Unito. La consultazione è stata voluta in seguito ad un accordo tra i due governi, noto anche come accordo di Edimburgo, che è stato firmato il 15 ottobre del 2012. Gli elettori, nel corso del referendum, potevano votare soltanto sì o no e, per essere approvata, la proposta di indipendenza doveva ottenere la maggioranza semplice. Alcuni temi dibattuti in riferimento al referendum sono stati quelli della solidità economica della Scozia, della difesa nazionale, del mantenimento dei rapporti con il Regno Unito e dell’adesione alle organizzazioni internazionali, come l’Unione Europea e la Nato. LEGGI ANCHE: Scozia indipendente: il Primo Ministro Salmond si dimette, scontri a Glasgow

    Stamina: i familiari dei malati contro i media

    Il metodo Stamina è un discusso trattamento medico inventato da Davide Vannoni. La terapia è principalmente rivolta alla cura delle malattie neurodegenerative e si baserebbe sull’uso delle cellule staminali. La terapia consiste nel prelievo di cellule dal midollo osseo dei pazienti, nella loro manipolazione in vitro e infine nell’infusione nei pazienti stessi. Molto si è discusso sulla presunta efficacia di questo metodo, anche perché Vannoni non risulta aver prodotto mai prove scientifiche, anche se ne ha sempre propugnato la validità. Del caso si è occupata anche la trasmissione televisiva Le Iene, che ha mostrato come alcuni bambini sembrassero compiere passi avanti incredibili nella risoluzione delle malattie. Il metodo non è stato autorizzato in tutti i casi e ci sono state delle controversie giudiziarie sulla sperimentazione. Poi il tutto si è trasformato anche in un caso mediatico. Nel 2014 Davide Vannoni è stato accusato di vari reati e di associazione a delinquere, oltre che di somministrazione pericolosa di farmaci e di esercizio abusivo della professione medica. Il 2 ottobre 2014 la commissione internazionale per la sperimentazione ha dichiarato che non ci sarebbero i presupposti per una sperimentazione del metodo. LEGGI ANCHE: Metodo Stamina: Davide Vannoni usava i pazienti come cavie?

    Malala Yousafzai e Kailash Satyarthi hanno conquistato il Premio Nobel per la Pace il 10 ottobre. La prima è un’attivista 17enne che per anni si è battuta per far conquistare il diritto delle bambine all’istruzione. Il secondo ha portato avanti la tradizione di Gandhi, impegnandosi in una lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile e soprattutto a favore dei diritti dei bambini. Si è deciso di premiare queste figure, perché proprio la tutela dei più piccoli è una condizione fondamentale per garantire lo sviluppo pacifico del mondo. LEGGI ANCHE: Premio Nobel per la Pace 2014 a Malala Yousafzai e Kailash SatyarthiPremi Nobel 2014: chi sono tutti i vincitori?

    Napolitano al processo Stato-Mafia

    Giorgio Napolitano viene sentito come testimone nell’ambito del processo sulla presunta trattativa tra Stato e mafia in corso a Palermo. Il 28 ottobre 2014 il Capo dello Stato parla davanti ai magistrati e ai giudici, non davanti agli imputati, tra cui Totò Riina, che in un primo momento avevano chiesto di presenziare tramite videoconferenza. La testimonianza viene chiesta in merito alla lettera del 22 luglio 2012 del giurista Loris D’Ambrosio in cui il suo collaboratore teme di essere stato usato come un “ingenuo e utile scriba per indicibili accordi“. Napolitano ha risposto a tutte le domande in una testimonianza durata tre ore, chiedendo che il testo della sua deposizione venisse pubblicato il prima possibile. Il 31 ottobre il sito del Quirinale pubblica la deposizione integrale.

    LEGGI anche: Il testo integrale della deposizione di Napolitano

    Negli ultimi mesi del 2014, in seguito all’ondata di maltempo che ha investito il nostro Paese, soprattutto il Nord Italia, il 9 e 10 ottobre si è verificata un’alluvione a Genova di dimensioni catastrofiche, che ha messo la città in ginocchio, sottoposta ad ondate di acqua e di fango. Altre alluvioni si sono verificate nel mese di novembre e hanno interessato, oltre che di nuovo la città di Genova, anche Savona, la provincia di Alessandria, la città di Milano, la città di Carrara, Chiavari e Parma. Ci sono stati allagamenti in seguito allo straripamento di alcuni torrenti e fiumi e si sono registrate diverse vittime. I danni materiali sono stati enormi. LEGGI ANCHE: Maltempo in Liguria, frane e allagamenti: si fa la conta dei danni

    Il 1° novembre 2014 entra ufficialmente in carica la nuova Commissione Europea con il lussemburghese Jean-Claude Junker come presidente. La nomina dell’ex premier del piccolo paese arriva dopo un accordo tra il PPE e il PSE per cui è necessario abbinare alla politica rigorista, incarnata nella Germania, un rilancio degli investimenti per la crescita, punto su cui insiste il governo italiano di Renzi. L’Italia registra anche un grande successo con la nomina di Federica Mogherini, allora ministro degli Esteri, come Alto Rappresentante della politica estera europea e vicepresidente della Commissione. Due i ruoli chiave per le politiche economiche: il francese Pierre Moscovici, socialista, va agli Affari economici e finanziari, mentre il finlandese Jyrki Katainen, popolare e rigorista convinto, va all’Occupazione e crescita.

    LEGGI anche –> La composizione della Commissione Junker

    La sonda Rosetta conquista la cometa

    Il lander Philae della sonda Rosetta è atterrato con successo il 12 novembre sulla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. I tecnici dell’Agenzia Spaziale Europea hanno seguito tutta l’operazione, che ha portato a questo lancio che sicuramente resterà nella storia. La sonda ha permesso di inviare sulla Terra dettagli, informazioni e immagini della cometa. Non era affatto un’impresa facile, anche perché gli esperti hanno dovuto fare i conti con dei problemi di stabilizzazione. LEGGI ANCHE: Sonda Rosetta sulla cometa: il lander ha rilevato molecole organiche?

    Il 20 novembre 2014 la Corte di Cassazione annulla la condanna per il magnate svizzero Stephan Schmidheiny nell’ambito del processo Eternit. La Suprema Corte ha accolto la richiesta del Procuratore Generale Francesco Iacovello per avvenuta prescrizione, annullando così la condanna a 18 anni del secondo grado per disastro ambientale doloso permanente e omissione di misure antinfortunistiche. Con la prescrizione cadono anche i risarcimenti per le famiglie delle vittime e le parti civili. La rabbia dei parenti delle vittime esplode, la notizia fa il giro del mondo, ma il pm Raffaele Guariniello, che aveva ottenuto le condanne nei primi due gradi, annuncia una nuova battaglia con l’inchiesta Eternit bis in cui l’accusa è omicidio e quindi non soggetta a prescrizione.

    LEGGI anche –> L’assoluzione per le morti d’amianto

    L’italiana Samantha Cristoforetti ha preso parte ad una missione spaziale di circa 6/7 mesi. E’ la prima volta che una donna italiana si cimenta in un’impresa di questo genere, iniziata il 22 novembre. A bordo di un veicolo Sojuz, Samantha ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale. Nel programma della missione ci sono esperimenti sulla fisiologia umana, analisi biologiche e stampa di oggetti in 3D, per vedere quali siano gli effetti in assenza di peso. Gli astronauti sperimenteranno anche l’opportunità di realizzare pezzi di ricambio per la stessa stazione, senza dover dipendere dagli invii da Terra. LEGGI ANCHE: Samantha Cristoforetti è la prima astronauta italiana donna nello spazio

    Il 24 novembre 2014 Piemonte e Calabria tornano al voto per eleggere il nuovo Presidente della Regione. La vittoria va in entrambe le Regioni al PD, con Stefano Bonaccini e Mario Oliverio; Forza Italia crolla, come il M5S in fortissimo calo, mentre la Lega Nord prosegue la sua risalita. A preoccupare è però l’alta astensione registrata in particolare in Emilia dove ha votato solo il 37,7% degli aventi diritto contro il 68,06% delle scorse elezioni.

    LEGGI anche –>

    - Chi è Mario Frigerio - Chi è Stefano Bonaccini

    Il 29 novembre è stato ucciso a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa, il piccolo Andrea Loris Stival. La madre Veronica Panarello ha raccontato di aver accompagnato il bambino a scuola, ma in realtà, dopo varie indagini, si è scoperto che il piccolo non era andato a lezione quel giorno. Varie sono state le piste seguite dagli investigatori, compresa quella della pedofilia, dopo che il cacciatore Orazio Fidone ha ritrovato il corpicino in un canalone a 4 chilometri di distanza dal paese. Loris Stival è stato ucciso strangolato da una fascetta da elettricista. Ad essere fermata per l’omicidio è stata proprio la madre, dopo un lungo interrogatorio. Molte sono state le contraddizioni in cui è caduta la donna, anche riguardo agli spostamenti compiuti la mattina della scomparsa del bambino. LEGGI ANCHE: Andrea Loris Stival: trovato il cellulare segreto di Veronica PanarelloVeronica Panarello: tutte le bugie sulla morte del figlio Loris StivalOrazio Fidone, chi è il cacciatore indagato per l’omicidio di Andrea Loris Stival?

    Il 2 dicembre è scoppiato lo scandalo Mafia Capitale, con l’operazione Mondo di Mezzo che ha visto l’arresto di 37 persone a Roma in altri paesi vicini. Le forze dell’ordine hanno proceduto al fermo di 37 indagati accusati dei reati di associazione mafiosa, estorsione, usura, corruzione e riciclaggio di denaro. Si sono scoperte infiltrazioni della criminalità organizzata soprattutto nella struttura amministrativa del Campidoglio. Al vertice delle operazioni criminali Massimo Carminati. LEGGI ANCHE: Mafia Capitale, altri due arresti: spuntano legami con la ‘ndranghetaMassimo Carminati: chi è l’ex terrorista coinvolto nella mafia a Roma

    Nel 2014 purtroppo ci hanno lasciato anche molti personaggi famosi della politica, dello spettacolo e della cultura: da Gabriel García Márquez a Peaches Geldof ad Arnaldo Foà, da Claudio Abbado a Shirley Temple. Particolare clamore ha destato la scomparsa di Robin Williams e quella di Giorgio Faletti.

    L’11 agosto 2014 il mondo del cinema perde una delle sue stelle, Robin Williams. L’attore, tra i più amati dal grande pubblico, è stato trovato impiccato nella sua casa di Tiburon, in California. L’autopsia confermerà la morte per asfissia, senza riscontrare alcuna traccia di alcol o droghe: Williams soffriva da tempo di depressione e di recente gli era stato diagnosticato il morbo di Parkinson. Diventato popolare negli anni Settanta con la serie “Mork e Mindi”, era stato protagonista di grandi film di successo tra cui “Good Morning Vietnam”, “L’attimo fuggente”, “Hook-Capitan Uncino” , “Jumanji” e “Mrs. Doubtfire”: nel 1998 vinse l’Oscar come migliore attore non protagonista per “Will Hunting-Genio Ribelle”, fim diretto da Gus Van Sant con la sceneggiatura di Matt Damon e Ben Affleck.

    Il 4 luglio 2014 si è spento a Torino lo scrittore, attore e cantante Giorgio Faletti. Faletti è stato colpito da un tumore ai polmoni e nella primavera del 2014 si è sottoposto ad una serie di cure a Los Angeles. Poi è stato trasferito all’ospedale Molinette di Torino, dove è morto all’età di 63 anni. La camera ardente è stata allestita presso il teatro Vittorio Alfieri e l’8 luglio si sono svolti i funerali nella Collegiata di San Secondo. Il mondo dello spettacolo è stato in lutto e tutti hanno ricordato la lunga e brillante carriera, dalla partecipazione al Drive In, con l’interpretazione di Vito Catozzo, alla gara musicale del Festival di Sanremo, con la canzone “Signor tenente” del 1994, ispirandosi alle stragi di Capaci e di via D’Amelio.

    7830