Cyber Spie usano webcam private e mettono sul Web le immagini

Cyber Spie usano webcam private e mettono sul Web le immagini
da in Internet, Mondo, Privacy, Sicurezza Informatica, World Wide Web, Violazione della privacy
Ultimo aggiornamento:
    Cyber Spie usano webcam private e mettono sul Web le immagini

    E’ scattato l’allarme nel Regno Unito dopo la scoperta di un sito russo in cui appaiono centinaia di immagini provenienti da soggiorni, camere, giardini e vialetti di case private sparse in tutta la Gran Bretagna. Le famiglie interessate trasmettono inconsapevolmente le scene della loro vita quotidiana su Internet, attraverso webcam le telecamere di sicurezza piazzate da loro stessi in casa, che però, evidentemente, sono state sabotate, e addio privacy.

    Il Daily Mail ha lanciato l’allarme: attenzione alle telecamere di sicurezza, perchè i malintenzionati possono prenderne possesso per guardarvi e postare le vostre foto on-line. Questo permette a chiunque di spiare le famiglie nelle loro case in tempo reale.

    Le telecamere sono spesso collegate a Internet così i proprietari possono controllare cosa sta succedendo a casa da remoto quando sono al lavoro o in vacanza.

    Il sito in questione mostra anche filmati da uffici interni e negozi, ma anche da palestre, pub, negozi da asporto e persino da una stalla.

    Tra le immagini più scioccanti ci sono quelle dei baby monitor, che mostrano bambini che dormono beatamente nelle loro culle in casa.

    Ciò che deve preoccupare, visto che sicurezza e privacy non sono tutelate, è che il sito mostra la posizione esatta della webcam in questione, in base alla sua longitudine e latitudine, ed è indicato persino il codice postale della proprietà.

    In pratica si tratta di una potenziale miniera d’oro per i ladri che vogliono entrare in una proprietà e che così possono subito verificare se è incustodita.

    Cosa fare? Innanzitutto cambiare la password di default del costruttore del dispositivo usato.

    300

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InternetMondoPrivacySicurezza InformaticaWorld Wide WebViolazione della privacy
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI