NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Paesi dove c’è la pena di morte

Paesi dove c’è la pena di morte
da in Amnesty International, Diritti, Diritto penale, Giustizia, Mondo, Pena di morte
Ultimo aggiornamento:
    Paesi dove c’è la pena di morte

    Secondo gli ultimi dati di Amnesty International, aggiornati a marzo 2014, esistono al mondo ancora molti Paesi in cui è in vigore la pena di morte. Escludendo l’omicidio, i reati più comunemente puniti con la pena di morte sono quelli legati al traffico di droga. Vi sono tuttavia paesi, come la Corea del Nord, dove la pena capitale è prevista anche per crimini più insoliti come il cannibalismo, la pornografia e l’attività sovversiva contro il Partito dei Lavoratori. Tra i paesi che hanno punito con l’esecuzione capitale persone che al momento del crimine erano minorenni, ci sono sicuramente l’Arabia Saudita e l’Iran. 98 paesi hanno abolito la pena di morte per ogni reato.

    LEGGI ANCHE>>>PAESI CHE MANTENGONO IN VIGORE LA PENA DI MORTE (PDF)
    LEGGI ANCHE>>>COME UCCIDE IL BOIA

    La Nazione in cui sono state eseguite più condanne è la Cina, dove il numero delle esecuzioni è coperto dal segreto di Stato: il rapporto di Amnesty International sulla pena di morte nel 2013, però, parla di migliaia di casi, per un totale che supererebbe quello di tutte le altre nazioni considerate nel loro complesso. Seguono l’Iran (369 persone), Iraq (169), Arabia Saudita (79) e Stati Uniti (39).

    Passando in Africa, troviamo la Somalia (34) e il Sudan (21), poi c’è lo Yemen (13), il Giappone (8), il Vietnam (non meno di 7).

    Tra gli stati che nel 2013 sono tornati ad adottare la pena capitale dopo un periodo in cui l’avevano abbandonata ci sono Nigeria, Kuwait, Vietnam ed Indonesia; ancora di più gli stati che hanno cercato di occultare le esecuzioni alla comunità internazionale, realizzandole in gran segreto. Tra questi, l’India. In Europa e Asia centrale solo la Bielorussia continua ad includerla nel proprio ordinamento, ma nell’ultimo anno non ci sono state esecuzioni.

    In tutto il mondo sono 98 gli Stati ad aver abolito del tutto la pena di morte: dal 1994 sono quindici i paesi che l’hanno abolita, con una decrescita pressoché costante. Tra i metodi più comuni, impiccagione, iniezione letale, sedia elettrica e decapitazione.

    Sette Paesi l’hanno abolita salvo che per reati eccezionali, come quelli commessi in tempo di guerra. 35 paesi sono abolizionisti de facto poiché non vi si registrano esecuzioni da almeno dieci anni oppure hanno assunto un impegno a livello internazionale a non eseguire condanne a morte.

    In totale 140 Paesi hanno abolito la pena di morte nella legge o nella pratica. 58 paesi mantengono in vigore la pena capitale, ma il numero di quelli dove le condanne a morte sono eseguite è molto più basso.

    I Paesi totalmente abolizionisti sono 98. Vediamo la lista di tutte le Nazioni che hanno abolito la pena di morte per tutti i reati:

    Albania, Andorra, Angola, Argentina, Armenia, Australia, Austria, Azerbaijan, Belgio, Bhutan, Bolivia, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Burundi, Cambogia, Canada, Capo Verde, Cipro, Città del Vaticano, Colombia, Costa Rica, Costa d’Avorio, Croazia, Danimarca, Ecuador, Estonia, Filippine, Finlandia, Francia, Gabon, Georgia, Germania, Gibuti, Grecia, Guinea Bissau, Haiti, Honduras, Irlanda, Islanda, Isole Cook, Isole Marshall, Isole Salomone, Italia, Kirghizistan, Kiribati, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Malta, Mauritius, Messico, Micronesia, Moldavia, Monaco, Montenegro, Mozambico, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niue, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Palau, Panama, Paraguay, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica Dominicana, Repubblica Slovacca, Romania, Ruanda, Samoa, San Marino, Sao Tomè e Principe, Senegal, Serbia (incluso il Kossovo), Seychelles, Slovenia, Spagna, Sudafrica, Svezia, Svizzera, Timor Est, Togo, Turchia, Turkmenistan, Tuvalu, Ucraina, Ungheria, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela.

    634

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Amnesty InternationalDirittiDiritto penaleGiustiziaMondoPena di morte
    PIÙ POPOLARI