Gerusalemme, scontri sulla Spianata delle Moschee

La polizia israeliana a Gerusalemme ha sparato lacrimogeni in risposta ai fedeli palestinesi all'uscita dalla preghiera del venerdì, che a loro volta hanno lanciato sassi. Di nuovo scontri, insomma, sulla Spianata delle Moschee. Fonti di polizia hanno divulgato la notiza secondo cui le forze dell'ordine hanno disperso con lanci di lacrimogeni e granate assordanti i manifestanti che avevano tirato ''pietre e bottiglie Molotov'' vicino al luogo sacro.

Secondo le testimonianza e le agenzia Reuters riprese dal Jerusalem Post, la polizia ha fatto la sua irruzione nel luogo sacro dopo la preghiera del venerdì pomeriggio e i fedeli palestinesi hanno risposto iniziando a lancianre pietre e bottiglie Molotov contro le forze di polizia sul ponte Mugrabi. La polizia ha effettivamente usato granate stordenti per disperdere la folla.

Nove poliziotti sono stati leggermente feriti nell'incidente, tre di loro sono stati assistiti direttamente sul posto mentre sei sono state trasportati all'Hadassah University Medical Center di Ein Kerem, Gerusalemme. I mass-media palestinesi hanno parlato di almeno 15 manifestanti feriti.
Mentre un certo numero di giovani musulmani si è barricato all'interno di una moschea e ha rifiutato di andarsene.

Anche un fotografo è stato ferito, si tratta di un noto reporter dell'
Yedioth Ahronoth, che è stato ferito da una pietra che lo ha colpito in volto. La polizia ha dichiarato che il fotografo ha rifiutato le cure dei paramedici della Mezzaluna Rossa.

Tensioni e scontri sono registrati anche in Cisgiordania fin da ieri, durante il funerale di un palestinese morto dopo le ferite ricevute dai soldati israeliani durante uno scontro avvenuto due settimane fa.

Il portavoce della polizia di Gerusalemme
Shmuel Ben Ruby, già giovedì aveva detto che la polizia era "in allerta"per il Venerdì, ma la piazza non era stata chiusa agli under 40 e ai soli residenti a Gerusalemme, come spesso avviene in situazioni di allerta. Questa settimana la polizia ha chiuso due volte la spianata delle Moschee per i visitatori non musulmani, compresa la Cupola della Roccia.

Israele ha paura di una nuova rivolta palestinese anche in vista del viaggio del presidente Usa Barack Obama a Gerusalemme e Ramallah, previsto alla fine del mese. In ballo c'è l'eventuale ripresa dei colloqui di pace, ora in stallo.

comments powered by Disqus
SCARICA L’APP NANOPRESS

Leggi gratis e dove vuoi tutte le news dal mondo in tempo reale

NANOPRESS MOBILE

Scarica gratis l'applicazione NanoPress dall'App Store

IPHONE IPAD