Ricicla il vecchio cellulare con Coopi: aiuta la natura e i paesi in via di sviluppo

Piaccia o no il telefono cellulare è ancora uno status symbol. Chi non possiede uno smartphone spesso ha un certo pudore nel tirare fuori il vecchio telefonino dalla tasca. Come se non avere l'ultimo modello di touchscreen fosse una nota di demerito imperdonabile.
Fa particolarmente specie osservare ragazzi che guadagnano 1.000 euro al mese  esibire smartphone di ultimissima generazione dal prezzo di 700 euro.

E’ altrettanto vero che i telefoni cellulari hanno un ciclo di vita molto breve, dal momento che spesso vengono cambiati per puro senso estetico o per inseguire le ultime novità della tecnologia. Basti pensare che grandi marche come Samsung e Nokia sfornano un nuovo modello ogni mese.
Dove finiscono tutti questi telefoni “obsoleti”? Una parte viene venduta online, una parte viene riciclata a fratelli minori e cugini e una parte finisce semplicemente nel cassetto. E’ in questi casi che interviene Coopi.

Riciclare i cellulari con Coopi

Coopi è una fondazione che si occupa di cooperazione internazionale. E’ stata fondata nel 1965 da padre Vincenzo Barbieri. In 45 anni ha portato a termine ben 1.300 progetti in 53 paesi. I progetti di Coopi coinvolgono sempre degli operatori locali, più di 50.000 in 45 anni, ed hanno portato un beneficio diretto o indiretto ad oltre 80  milioni di persone. Attualmente Coopi sta seguendo 194 progetti di sviluppo ed emergenza in 23 paesi.
Fra le attività di Coopi c'è anche il riciclo di cellulari in disuso. Il progetto consiste nel raccogliere tutti questi cellulari per destinarli al riciclo o alla riparazione. In entrambi i casi il telefono cellulare produrrà un utile che verrà destinato ai progetti di sviluppo di Coopi.
Questo progetto può contare su due partner d’eccezione: il sito Comprocellulari.it e la società inglese SHP Limited.

Come partecipare al progetto

Ci sono due modi per partecipare a questo progetto. Si possono inviare i telefoni, privi di altre componenti come caricabatterie e altri cavi, alla sede Coopi (via De Lemene 50 - 20151 Milano) oppure a Comprocellulari (casella postale 107, Basiglio – 20080 Milano).
Se si è titolari di azienda si può organizzare un punto di raccolta per favorire i dipendenti. Coopi provvederà a fornire un raccoglitore. Al ritiro provvederà un addetto di Comprocellulari.it. In questo modo l’azienda verrà citata tra le partner del progetto sul sito di Coopi.
Qui tutte le informazioni per riciclare i cellulari con Coopi.
Chi volesse contribuire anche in altro modo può donare il cinque per mille a Coopi o partecipare ad altre iniziative, come ad esempio l'adozione a distanza.

comments powered by Disqus
SCARICA L’APP NANOPRESS

Leggi gratis e dove vuoi tutte le news dal mondo in tempo reale

NANOPRESS MOBILE

Scarica gratis l'applicazione NanoPress dall'App Store

IPHONE IPAD