NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Aziende italiane delocalizzate all'estero (Foto)

1 di 14
    continua
    http://www.nanopress.it/economia/foto/aziende-italiane-delocalizzate-allestero_257.html
    Fiat
    Fiat. Stabilimenti aperti in Polonia, Serbia, Russia, Brasile, Argentina, con oltre 20mila posti di lavoro persi in Italia.

    Fiat

    Stabilimenti aperti in Polonia, Serbia, Russia, Brasile, Argentina, con oltre 20mila posti di lavoro persi in Italia.

    Benetton

    Benetton

    Stabilimenti di produzione in Croazia per l'azienda veneta.

    Calzedonia

    Calzedonia

    Stabilimenti di produzione in Bulgaria.

    Dainese

    Dainese

    Due stabilimenti in Tunisia e produzione quasi cessata in Italia.

    Ducati Energia

    Ducati Energia

    Stabilimenti in India e Croazia.

    Geox

    Geox

    Stabilimenti in Brasile, Cina e Vietnam. Su 30mila dipendenti circa, soltanto 2mila sono italiani.

    Omsa

    Omsa

    Stabilimento spostato in Serbia e cassa integrazione per le lavoratrici italiane.

    Rossignol

    Rossignol

    Stabilimento di produzione spostato da Montebelluna in Romania.

    Sky Italia

    Sky Italia

    Call center in Albania effettuato tramite aziende di outsourcing.

    Stefanel

    Stefanel

    Stabilimento di produzione in Croazia.

    Telecom Italia

    Telecom Italia

    Call center in Albania, Tunisia, Romania e Turchia e quasi 10mila esuberi in Italia.

    Vodafone

    Vodafone

    Call center in Romania tramite aziende di outsourcing.

    Wind

    Wind

    Call center in Romania e Albania tramite aziende in outsourcing.

    Firem

    Firem

    Trasferimento senza preavviso di quasi tutta la produzione in Polonia, decisione poi ritrattata in parte.

    Foto correlate