Tari, aumento fino a 6 euro a persona: l’allarme dell’Anci

La Tari potrebbe aumentare fino a sei euro a persona. Secondo l’Anci, per far fronte all’errore delle tariffe gonfiate della tassa sui rifiuti, i Comuni potrebbero aumentare l’imposta

da , il

    Tari, aumento fino a 6 euro a persona: l’allarme dell’Anci

    La Tari potrebbe aumentare fino a sei euro a persona. A lanciare l’allarme è l’Anci. Secondo l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, infatti, per far fronte all’errore delle tariffe gonfiate della tassa sui rifiuti, i Comuni potrebbero aumentare l’imposta.

    Insomma, per i contribuenti che hanno dovuto pagare la Tari gonfiata, si tratterebbe di una ulteriore beffa.

    La Tari, introdotta nel 2014, è suddivisa in una parte fissa e una variabile. La prima, a metro quadrato, dipende dal numero dei componenti del nucleo familiare. La seconda tiene conto solo del numero di occupanti.

    L’errore della Tari gonfiata è nato dal fatto che molti Comuni non hanno calcolato la parte variabile solo una volta, applicandola invece per tutte le pertinenze, come cantine e box. In questo modo la Tari è stata di fatto raddoppiata.

    È vero che i cittadini hanno diritto al rimborso, ma è anche vero che i Comuni, come avverte l’Anci, devono comunque coprire il costo dello smaltimento dei rifiuti e potrebbero decidere di recuperare i soldi da rimborsare.

    LEGGI ANCHE: TARI: COME SI CALCOLA

    «Non dovrebbe essere così, se c’è stato un errore significa che l’incasso dei Comuni è stato superiore alle previsioni. Il Mef sta predisponendo una nota che sarà diffusa nei prossimi giorni. Sicuramente i rimborsi ci saranno. Spetta ai Comuni farli quando viene rilevato l’errore», rassicura Pierpaolo Baretta, sottosegretario dell’Economia.

    Eppure, secondo l’Anci, il rischio è che i Comuni, di fatto, si riprendano (con gli interessi) i soldi della Tari gonfiata da rimborsare. L’aumento rischia di arrivare fino a 6 euro a persona.