Pensioni anticipate: APE volontaria, novità sui decreti attuativi

Non sono positive le novità per quanto riguarda le pensioni anticipate e nel dettaglio l'Ape volontario, l'anticipo pensionistico finanziario che permette di andare in pensione ai nati tra il 1951 e il 1953. Infatti i decreti attuativi firmati lo scorso settembre non sono ancora stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale, e il provvedimento rischia di slittare al 2018

da , il

    Pensioni anticipate: APE volontaria, novità sui decreti attuativi

    Si allungano i tempi per quanto riguarda le pensioni anticipate Ape Volontaria, dato che i decreti attuativi di questo capitolo della riforma pensioni non sono ancora stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, nonostante il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, abbia prontamente firmato i documenti già lo scorso 4 settembre. Il risultato è che le carte sono ancora in mano alla Corte dei conti e nessuno degli ‘addetti ai lavori’ ha finora rilasciato qualche dichiarazione in proposito. Si brancola nel buio e il rischio concreto è che il provvedimento sulle pensioni anticipate Ape Volontario slitti addirittura al prossimo anno.

    PENSIONI ANTICIPATE: NEWS SU APE VOLONTARIA IN RITARDO

    Nonostante il decreto dell’Ape Volontaria sia stato firmato il 4 settembre scorso, i tempi della sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale restano sconosciuti. Come accenna il Sole 24 ore, si sta arrivando agli accordi quadro con Abi e Ania per la definizione del prestito-ponte, ossia del finanziamento assicurato che il pensionato deve poi rimborsare in venti anni con la pensione. L’incognita però resta sul costo finale del prestito ponte. Secondo alcuni rumors il Taeg potrebbe essere del 3,2%.

    Pensioni anticipate: decreti attuativi attesi entro fine anno

    E in attesa che in Gazzetta facciano il loro arrivo i decreti attuativi, calendario alla mano sembra ormai inevitabile che la misura veda la sua completa attuazione con l’anno 2018. Questo perché occorrono altri 30 giorni dalla pubblicazione per chiudere tutti gli accordi, poi l’Inps dovrà definire le sue istruzioni tramite una circolare che a sua volta dovrà essere approvata dal ministero del Lavoro. Insomma, la misura sperimentale di anticipo pensionistico rischia di entrare in vigore quasi intorno alla sua naturale scadenza, dato che lo Stato deciderà se riproporla dopo aver analizzato l’andamento.

    Pensioni ultima ora: +12 mesi di sperimentazione?

    Nei corridoi degli uffici degli esperti circola l’ipotesi di aumentare di altri 12 mesi la sperimentazione della pensione anticipata tramite Ape Volontaria. Vale ricordare che entro sei mesi dalla pubblicazione in Gazzetta del Dpcm chi ha maturato i requisiti Ape entro il 1° maggio scorso può chiedere gli arretrati.

    Pensioni e cumulo gratuito

    Fortunatamente in tema pensioni ci sono altre novità rilevanti da segnalare, come il via libera alla circolare sul cumulo gratuito dei periodi assicurativi non coincidenti, ovvero dei contributi previdenziali versati alle casse di previdenza dei professionisti.

    Pensioni e legge di Bilancio 2018

    E nella legge di Bilancio 2018 dovrebbero trovare attuazione il rinvio dell’aumento dell’età pensionabile e nuove misure per rendere più flessibile l’uscita dal lavoro, come l’anticipo pensionistico per chi sfrutta il cumulo dei contributi, la revisione dell’Ape social precoci, una sorta di Ape social rosa per donne con figli, mentre non ci sono novità per quanto riguarda la proroga dell’Ottava salvaguardia e dell’opzione Donna, la pensione minima di garanzia per giovani con carriere discontinue e la pensione anticipata per chi ha diritto alle agevolazioni della Legge 104.