Pensioni anticipate e contributi: come verificare i contributi versati in autonomia o dal datore di lavoro

Per stabilire l'inizio della pensione, anche se anticipata, occorre sapere esattamente l'ammontare dei contributi versati all'INPS, sia in autonomia che dal datore di lavoro. Tutti questi dati che servono per fare domanda di pensione sono facilmente verificabili online. Ecco come

da , il

    Pensioni anticipate e contributi: come verificare i contributi versati in autonomia o dal datore di lavoro

    Vediamo come fare per verificare i contributi versati all’INPS necessari per il calcolo della pensione e per sapere se si ha il diritto di andare in pensione scegliendo eventualmente la formula della pensione anticipata. Ecco come verificare la propria posizione contributiva o previdenziale direttamente sul sito dell’Istituto di previdenza, che mette a disposizione dei cittadini dipendenti (sia pubblici che privati) e dei futuri pensionati due diversi servizi online da navigare per poter accedere a tutte le informazioni utili.

    Tutti i dipendenti, sia pubblici che privati, purché iscritti a una delle gestioni INPS, possono accedere alla consultazione dell’Estratto conto contributivo/previdenziale online per verificare la propria posizione assicurativa o previdenziale. I lavoratori prossimi alla pensione possono richiedere direttamente in sede INPS il documento che include l’attestazione analitica della posizione assicurativa con valore legale, poiché ciò che è presente online, anche se si può stampare, è solo a scopo consultivo.

    COS’E’ L’ESTRATTO CONTRO CONTRIBUTIVO

    L’Estratto conto contributivo è il documento che elenca tutti i contributi effettuati all’INPS in favore del lavoratore dipendente privato. In questo modo il lavoratore può sapere in ogni momento la sua posizione e sapere se ha già maturato il diritto di andare in pensione anticipata. Nel documento che serve per il calcolo della pensione sono riepilogati i versamenti da lavoro, i contributi figurativi (quelli maturati in caso di gravidanza, malattia, disoccupazione) e da riscatto, suddivisi in base alla gestione alla quale il lavoratore risulta iscritto.

    Ad esempio i contributi degli iscritti all’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO) sono contenuti nell’Estratto conto previdenziale mentre quelli degli iscritti alla Gestione Separata sono riepilogati nell’Estratto conto parasubordinati.

    Tutti i contributi versati sono utili sia per raggiungere il diritto alla pensione sia per aumentare l’importo della pensione. Nel caso ci siano delle irregolarità sui contributi versati autonomamente o dai propri datori, i lavoratori possono segnalare eventuali discordanze direttamente all’INPS.

    COME LEGGERE L’ESTRATTO CONTO CONTRIBUTIVO

    Dopo aver inserito il proprio codice fiscale e il PIN attraverso questo modulo, l’utente accede alla pagina dell’elenco delle denunce retributive raggruppate per anno e cliccando sulla matricola può accedere alla pagina contenente il dettaglio della situazione retributiva annuale.

    COS’E’ L’ESTRATTO CONTO PREVIDENZIALE

    Attraverso la consultazione dell’Estratto conto previdenziale a cui si arriva attraverso questa pagina i dipendenti del settore pubblico, ossia delle Pubbliche Amministrazioni, possono verificare la propria posizione assicurativa, e quindi controllare il documento che reca tutti i dati presenti negli archivi dell’INPS trasmessi dalla pubblica amministrazione presso cui è stato svolto servizio. Parliamo dei dati relativi a stati di servizio, eventuali periodi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzioni o computo, altri periodi riconosciuti con contribuzione figurativa e le retribuzioni utili ai fini pensionistici successive al 31 dicembre 1992. Eventuali periodi contributivi di altre gestioni o enti che non sono riportati nell’estratto conto possono essere usati per richiedere la pensione attraverso domanda di ricongiunzione o, al momento del pensionamento, attraverso gli altri istituti previsti per l’unificazione.

    La presenza di note a margine in corrispondenza di un periodo di servizio indica che le informazioni presenti potranno essere oggetto di ulteriori approfondimenti anche grazie alla segnalazione dell’iscritto, che può proporre gli aggiornamenti necessari presentando una Richiesta di Variazione della Posizione Assicurativa (RVPA).

    In questo modo i dipendenti delle PA, ma anche i lavoratori privati che hanno svolto periodi di lavoro nel settore pubblico, sono in grado di valutare più consapevolmente l’eventuale richiesta di pensione o di pensione anticipata.

    COME AVERE INFORMAZIONI SUGLI ESTRATTI CONTI INPS

    Ciascun lavoratore può consultare il proprio estratto conto online e inoltre può – come anche i dipendenti pubblici e i lavoratori privati che hanno svolto periodi di lavoro nel settore pubblico – consultare il servizio dedicato tramite Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure al numero 06 164 164 da rete mobile. E’ possibile rivolgersi anche a enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.