730 precompilato 2017: istruzioni e scadenza della dichiarazione precompilata da inviare all’Agenzia delle Entrate

E' online il 730 precompilato 2017 da modificare e presentare alle Agenzia delle Entrate. Ecco una guida semplice con istruzioni sul 730 precompilato, come fare l'accesso e scaricare il 730 precompilato, la scadenza, l'eventuale proroga per l'invio del Modello 730 precompilato e altre info utili

da , il

    730 precompilato 2017: istruzioni e scadenza della dichiarazione precompilata da inviare all’Agenzia delle Entrate

    Dal 2 maggio il 730 online è modificabile. E’ tempo di dichiarazione dei redditi ed è tutto pronto per la dichiarazione precompilata 2017. Come sappiamo, dal 18 aprile il modello 730 precompilato 2017 era visualizzabile online a disposizione dei contribuenti, mentre dal 2 maggio è possibile accettare e inviare, oppure modificare i dati precompilati sul modello 730. Una delle novità più interessanti riguarda le spese sanitarie nel 730.

    Per i nostri lettori abbiamo raccolto di seguito alcune chiare istruzioni per il 730 precompilato, come fare l’accesso al sito dell’Agenzia delle entrate, come fare per l’invio del modello 730 precompilato e eventuali modifiche, quale data da rispettare, ossia la scadenza per la presentazione del 730 e nello specifico del 730 precompilato.

    Come sappiamo il 730 precompilato riguarda tutti i contribuenti titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati o di pensione, anche se non hanno mai presentato prima una dichiarazione dei redditi, che sia 730 precompilato o ordinario. Vediamo di seguito tutte le istruzioni per la dichiarazione precompilata del 730.

    Guida alla compilazione del 730 online: il 730 precompilato è comodo

    Il 730 precompilato 2017 disponibile dal 18 aprile in visione, è dal 2 maggio modificabile sul sito dell’Agenzia delle entrate. L’accesso per scaricare il modello 730 precompilato online avviene tramite il sito dedicato raggiungibile all’indirizzo web infoprecompilata.agenziaentrate.gov.it.

    Se si accetta la dichiarazione proposta senza alcuna modifica va barrata la casella “Dichiarazione Precompilata – Accettata”; se invece sono state fatte integrazioni o modifiche si deve barrare la casella “Dichiarazione Precompilata – Modificata. E occorre attendere il ricalcolo dei dati presenti nel modello 730. Per info, è possibile anche telefonare al numero: 848.800.444. Ecco una guida al 730 2017 in forma video:

    Compilazione 730 online: è gratis

    La compilazione standard del 730 precompilato è gratis e avviene a cura dell’Agenzia delle Entrate che utilizza i dati contenuti nell’anagrafe tributaria (dichiarazioni precedenti), i dati riportati nelle certificazioni dei sostituti di imposta relativi ai redditi da lavoro o ai trattamenti pensionistici (Certificazione Unica, ex CUD), più altri riferimenti relativi agli oneri detraibili e deducibili trasmessi da terzi (premi assicurativi, interessi passivi mutui, contributi, etc.). Ricordiamo ai nostri lettori che usare il mod 730 precompilato non è obbligatorio, infatti si tratta di una possibilità gratuita per il contribuente, che però può sempre decidere di rifiutarlo e presentare il 730 tradizionale nei modi standard previsti dal Fisco.

    LEGGI ANCHE NOVITA’ 2017 DETRAZIONI SPESE MEDICHE: GUIDA 730

    Quanto costa la compilazione di un 730?

    Il costo per la compilazione del 730 è fissato in maniera indipendente dai commercialisti o dai centri di assistenza fiscale e possono variare a seconda della complessità della dichiarazione o del numero dei quadri da compilare. Associazioni e Caf possono richiedere degli abbonamenti, ma il prezzo finale del servizio in genere è più basso dello standard, che può quindi variare dai 50 euro ai 200 euro in caso di dichiarazioni congiunte o particolarmente complesse.

    730, istruzioni per la dichiarazione precompilata

    Come funziona il 730 precompilato online? In pratica il cittadino può semplicemente accedere al sito dell’Agenzia delle Entrate e, una volta avuto l’accesso al modello 730 precompilato, tramite il proprio profilo fiscale, può confermarlo online così come si presenta oppure può modificarlo, correggerlo o integrarlo. Se la correzione è fatta direttamente online dal contribuente resta del tutto gratis, ma chi preferisce può sempre rivolgersi a un intermediario abilitato, che sia un CAF (centro di assistenza fiscale), un commercialista o il sostituto d’imposta (ossia il proprio datore di lavoro) se abilitato.

    LEGGI ANCHE MODELLO 730 E REDDITI 2017: QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA’ SULLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

    Scadenza 730 precompilato 2017

    Il modello 730 precompilato 2017 riferito all’anno 2016 è online e scaricabile dal 18 Aprile 2017, ma qual è la scadenza, in attesa di ulteriore proroga? Il 730 precompilato va integrato/modificato e inviato online dal 2 Maggio mentre il termine per la presentazione del 730 precompilato 2016 è il 23 Luglio 2017 (ma visto che è una domenica, si slitta al 24), sempre tramite il sito specifico riportato prima.

    Modello 730 precompilato 2017: detrazioni e novità

    Per la presentazione del modello 730 precompilato 2017 (dichiarazione dei redditi 2016) ci sono delle novità. Nei dati presenti quest’anno ci sono anche le spese sanitarie, le spese veterinarie, le spese per farmaci (ma anche per ottici, parafarmacie, psicologi, infermieri e tutto quello che è previsto all’interno del “sistema tessera sanitaria”), le spese universitarie, le spese funebri e le quote di spesa relative agli interventi edilizi per i quali si può fruire delle detrazioni fiscali del 50% (ristrutturazione edilizia) o del 65% (interventi di riqualificazione energetica) e le quote di spese a detrazione pluriennale desumibili dalle dichiarazioni dei redditi precedenti.

    A partire da quest’anno, inoltre, l’Agenzia delle Entrate consente di presentare la dichiarazione dei redditi tramite l’applicazione online anche a coloro per i quali non è disponibile una vera dichiarazione 730 precompilata, ma sarà disponibile una dichiarazione dei redditi senza alcun dato precompilato, a eccezione dei dati anagrafici. È il caso dell’erede che deve presentare la dichiarazione redditi per conto di una persona deceduta, oppure del contribuente che vuole presentare il 730 ma per il quale l’Agenzia non dispone di alcun dato.