Rottamazione cartelle Equitalia 2017: proroga ulteriore oltre il 21 aprile?

Ormai mancano meno di 48 ore e la questione della rottamazione delle caselle esattoriali forse potrà considerarsi chiusa. C'è però qualcuno che ha chiesto un'ulteriore slittamento dei termini di scadenza. Intanto vediamo come correre ai ripari, prima dell'attuale dead line.

da , il

    Rottamazione cartelle Equitalia 2017: proroga ulteriore oltre il 21 aprile?

    Rottamazione cartelle Equitalia 2017, proroga ulteriore? In realtà la scadenza è fissata per il 21 aprile, quindi rimangono meno di 48 ore per richiedere all’Agenzia di riscossione la rottamazione delle cartelle esattoriali emesse dal 2000 al 2016. Il decreto proroga per la rottamazione delle cartelle, stabilito dal Governo, ha permesso ai cittadini (ancora per poche ore) di inoltrare a Equitalia, il modulo di rottamazione delle cartelle esattoriali. I tempi purtroppo però, sono stringenti, e a detta dell’Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (Ungdcec), ‘un’ulteriore proroga sarebbe opportuna, non quale “concessione”, ma come “atto dovuto” per permettere ai professionisti di far fronte ad una macchina amministrativa dimostratasi poco organizzata’.

    Richiesta di ulteriore proroga per la rottamazione delle cartelle Equitalia

    Le rimostranze dell’UNGDCEC partono da queste considerazioni: ‘Il legislatore sembra non aver puntualmente valutato lo stato della macchina amministrativa. Le iniziative, volte a rendere più agevole l’accesso alla “rottamazione”, sono partite in ritardo, con conseguente sovraccarico in primo luogo dei sistemi informatici e conseguentemente degli uffici’.

    In parole semplici, il decreto proroga rottamazione delle cartelle, avrebbe bisogno di un ulteriore allungamento dei termini di scadenza, affinché i cittadini possano presentare a Equitalia il modulo di rottamazione. Tuttavia, al momento, al di là dell’esplicita richiesta dell’Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, non sembra che vi sia un’ulteriore proroga per la rottamazione delle cartelle Equitalia, all’orizzonte. Su Equitalia e la rottamazione delle cartelle, le ultime notizie confermano la scadenza del 21 aprile 2017. Pertanto, mancando ormai pochissime ore alla dead line, è bene sapere cosa bisogna fare: come rottamare quindi le cartelle Equitalia? Vediamo i dettagli fondamentali.

    Rottamazione cartelle esattoriali: cosa fare

    Appurato che la scadenza per la rottamazione delle cartelle Equitalia 2017 è fissato irrevocabilmente per il prossimo 21 aprile, la domanda sorge spontanea: come rottamare le cartelle Equitalia?

    Attraverso la ‘definizione agevolata’, i contribuenti hanno l’opportunità di estinguere il proprio debito con Equitalia, usufruendo di uno sconto sulle somme dovute. I cittadini che hanno in sospeso determinate tipologie di debito, devono quindi compilare e inviare l’apposito Modulo Da1, a Equitalia: è l’unico modo per poter aderire alla suddetta ‘definizione agevolata’ dei debiti in sospeso. L’ente riscossore, entro il 15 giugno, avrà l’onere di rispondere al debitore, confermando o meno l’inclusione degli importi a debito, nella procedura di rottamazione.

    Equitalia spedirà ai debitori che avranno fatto richiesta di definizione agevolata, la somma da versare (in unica soluzione o ratealmente) e il termine o i termini, entro cui effettuare i versamenti. La rateizzazione di Equitalia prevede in questo caso specifico al massimo cinque rate.