Sciopero ATM 5 aprile 2017: Milano bloccata. Metropolitana, bus e tram a singhiozzo. Orari e news

Mercoledì 5 aprile 2017 c'è sciopero a Milano dei mezzi pubblici Atm. Vediamo orari e situazione dello sciopero di metro bus e tram indetto contro il mancato accordo con il Comune in Prefettura sui nuovi bandi per la mobilità. Previsto un presidio davanti a Palazzo Marino e quattro ore di mobilitazione a cui potrebbe seguire un secondo sciopero di 24 ore

da , il

    Sciopero ATM 5 aprile 2017: Milano bloccata. Metropolitana, bus e tram a singhiozzo. Orari e news

    Ultime notizie sullo sciopero a Milano di ATM, orari e ultim’ora dell’agitazione che sta paralizzando Milano. Con lo sciopero Atm del 5 aprile 2017 è un altro giorno nero per i trasporti pubblici a Milano, soprattutto in occasione del Salone del Mobile 2017 e delle attività collaterali del Fuorisalone. Lo sciopero del 5 aprile 2017 a Milano vede metro, bus e tram viaggiare a singhiozzo dalle 8:45 alle 12:45.

    SCIOPERO 5 APRILE 2017 ATM MILANO: ORARI

    Stop a metropolitane, bus e tram a Milano per lo sciopero del 5 aprile 2017, che durerà quattro ore e vede coinvolte diverse sigle sindacali: Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Ugl Tpl, Orsa, Faisa e Sama. “Sarà uno sciopero molto partecipato — prevede Luca Stanzione della Filt Cgil — e rischia di essere il primo di una lunga serie. C’è un clima di grande delusione perché ci aspettavamo che il Comune venisse e facesse la sua parte. Invece c’è una sottovalutazione dei temi che poniamo rispetto alla qualità del servizio e alla conflittualità in azienda”.

    SCIOPERO MILANO OGGI: NESSUNA REVOCA

    Nessuna revoca dello sciopero come speravano i pendolari, anche se i sindacati fanno sapere che la scelta di fare sciopero è stata sofferta, ma provocata dalla decisione del Comune di non presentarsi all’incontro chiesto sulla delibera della futura gara di appalto del trasporto pubblico locale per la quale, denunciano i sindacati, vorrebbero un lotto di gara unico: “Si decide di spezzettare il sistema della mobilità milanese mettendo a rischio la stessa ATM”.

    Mercoledì 5 aprile 2017 lo sciopero ATM MILANO dei mezzi pubblici, che interessa quindi metropolitane, autobus e tram, avrà il seguente orario: dalle 8.45 alle 12.45.

    SCIOPERO 5 APRILE: MOTIVAZIONI

    C’è da dire che il Comune non era stato convocato ufficialmente, ma il sindacalista ha criticato lo stesso l’atteggiamento espresso da parte di Palazzo Marino. “Da quello che abbiamo riscontrato finora — sottolinea Stanzione — non c’è volontà di dialogo. Ci sono invece tante famiglie a rischio e non è un caso che si sia arrivati allo sciopero generale; una cosa del genere non si vedeva a Milano da almeno dieci anni”. E ancora: “È stata un’occasione mancata per il Comune, assente all’incontro, che avrebbe potuto dare le risposte alle questioni che stiamo ponendo da giorni evitando così i disagi per i cittadini”, concludono così i sindacati che chiedevano un lotto unico nella gara di appalto che includesse tutti i servizi per la mobilità, dai metrò e tram al bike sharing.

    SCIOPERO ATM MILANO AD APRILE? LA DATA E’ DA DECIDERE

    Lo sciopero del 5 aprile a Milano è quindi stato indetto contro il rischio “di spezzatino dell’azienda e del nostro posto di lavoro”, hanno detto preoccupati i sindacati, che annunciano: “Ed è solo la prima azione di sciopero in Atm per garantire la qualità del servizio della Città metropolitana e il lavoro per migliaia di famiglie milanesi”, “siamo pronti anche a un secondo sciopero di 24 ore“.

    SCIOPERO 5 APRILE: LETTERA AI MILANESI

    I lavoratori ATM, in occasione dello sciopero del 5 aprile hanno diffuso una lettera aperta ai milanesi: “Questo sciopero è con la città, non contro la città. Stiamo cercando di salvaguardare la qualità del trasporto pubblico”. La lettera è firmata da tutte le sigle sindacali e spiega che “siamo coscienti che scioperare nei servizi di trasporto significa arrecare un disservizio a tutti i lavoratori e ai cittadini che utilizzano i mezzi pubblici”. Però – si legge – “se siamo arrivati a questo punto non è per rivendicare un aumento salariale ma perché viene messa in discussione la qualità del servizio oggi garantito da Atm sul nostro territorio. Il comune di Milano ha deciso una divisione dei servizi che oggi consentono la mobilità di migliaia di persone, avviando un percorso che potrà portare allo spezzettamento del sistema della mobilità a discapito dei cittadini milanesi, una condizione che rischia di affidare ad aziende medio piccole il servizio del trasporto pubblico locale gettando Milano in uno stato confusionale”. E ancora: “Noi chiediamo che il comune di Milano garantisca l’unicità di tutti i servizi di mobilità atta verso una gara a unico lotto per evitare la spartizione del business fra più aziende che comprometterebbe la qualità del servizio stesso. Per questo chiediamo che il gruppo Atm venga messo in condizioni di partecipare a un’unica gara evitando il dumping fra più soggetti ed il rischio della perdita di migliaia di posti di lavoro”. La conclusione: “Lottiamo per il futuro dei trasporti di tutti”.