Scontrini fiscali come biglietti della lotteria: i Paesi dove la nuova frontiera della lotta all’evasione fiscale è realtà

Scontrini fiscali come biglietti della lotteria: i Paesi dove la nuova frontiera della lotta all’evasione fiscale è realtà

In Italia il test di un'estrazione al mese è previsto nel 2017

da in Economia, Fisco, News Economia
Ultimo aggiornamento:
    Scontrini fiscali come biglietti della lotteria: i Paesi dove la nuova frontiera della lotta all’evasione fiscale è realtà

    Scontrini fiscali come biglietti della lotteria? E’ l’idea rilanciata da Luigi Casero, viceministro dell’Economia con delega alle politiche fiscali, per contrastare il fenomeno dell’evasione fiscale e per incentivare tutti i cittadini a chiederne il rilascio quando comprano qualcosa in un negozio. La sperimentazione in Italia dello scontrino fiscale da usare come tagliando per giocare alla lotteria con l’approvazione di un emendamento alla Legge di Bilancio partirà già dal primo marzo 2017 per andare a regime l’anno successivo. Chi paga con bancomat o carte di credito avrà il 20% di chance in più di vincere all’estrazione dei premi. Ma ci sono altri Paesi nel mondo che già da tempo hanno adottato questo metodo. Li abbiamo elencati di seguito, ma prima vediamo in cosa consiste nel dettaglio questa nuova lotteria in cui i biglietti sono rappresentati proprio dagli scontrini fiscali rilasciati dagli esercenti quando si effettua un acquisto

    A questa nuova lotteria nazionale italiana è possibile partecipare facendo acquisti, utilizzando un codice che verrà associato agli scontrini (elettronici). Funzionerà un po’ come adesso in farmacia: quando compriamo qualcosa si consegna il codice fiscale alla cassa e lo scontrino viene comunicato direttamente all’Agenzia delle Entrate. “Non dovremo conservare più nulla.

    Ogni contribuente avrà accesso a un file dove saranno registrati gli acquisti e i relativi codici per partecipare alla lotteria. Si avrà un codice non per ogni acquisto ma per ogni tot di euro spesi”, spiega Casero. Ma ancora non è stato deciso quanto. L’estrazione, invece, dovrebbe essere fatta una volta al mese.

    Il premio potrà essere una somma in denaro o un oggetto. ”In ogni caso sarà consistente, altrimenti il meccanismo non funziona”, prosegue Casero, che annuncia anche un incentivo per gli esercenti: “se a far vincere la lotteria è un acquisto fatto nel suo negozio, anche il negoziante avrà un premio”.

    Per contrastare l’evasione sembra che per il prossimo anno ci sia una novità anche per quanto riguarda fatture e ricevute: “Alla fine di ogni anno, sempre per estrazione, saranno decisi i settori di spesa per i quali sarà possibile detrarre dalle tasse le relative spese“, afferma il ministro. “Si deciderà di consentire la detrazione per spese che oggi non sono detraibili. Quelle per l’idraulico, dico per dire, oppure per l’avvocato. I cittadini saranno incentivati a chiedere tutte le fatture e le ricevute, perché solo alla fine di ogni anno sapranno quali potranno detrarre davvero”.

    Nel frattempo diamo uno sguardo ai Paesi che hanno già adottato questo nuovo metodo di lotta all’evasione fiscale, che sono, in ordine alfabetico:

    ALBANIA
    Nel 2015 in Albania è stata organizzata una lotteria nazionale con 511 premi in palio a cui giocare con gli scontrini fiscali; per partecipare bisognava raccogliere almeno 50 scontrini di ammontare totale superiore a 36 euro.

    CINA
    Dal 1998 in Cina gli acquirenti possono vincere denaro incassandolo direttamente dal negoziante, semplicemente usando gli scontrini degli acquisti come gratta e vinci, grazie al Lottery Receipt Experiment.

    GRECIA
    La Grecia sta per approvare una lotteria anti-evasione. Come premi in palio – secondo La Stampa – saranno messe a disposizione dei contribuenti cinque auto usate (all’anno) e una casa.

    MALTA
    Dal 2013 a Malta ogni mese i cittadini possono giocare e vincere ricchi premi alla Vat Lottery, una lotteria in cui si usano gli scontrini come dei tagliandi per partecipare. E’ possibile consultare il tabellone delle estrazioni direttamente sul sito del Governo maltese.

    PORTOGALLO
    Nata nel 2014 in Portogallo, la ‘Fatura da Sorte’ è una lotteria che distribuisce premi settimanali in buoni del tesoro (35mila euro ogni settimana mentre due volte l’anno si possono vincere quelli da 50mila euro). Basta connettersi al sito internet dedicato, e inserire i codici degli scontrini fiscali.

    ROMANIA
    Dal 2015 in Romania si può partecipare alla ‘lotteria fiscale’ che permette ai cittadini in regola con il possesso degli scontrini di partecipare alle estrazioni e vincere ogni mese premi in denaro.

    SLOVACCHIA
    Dal 2013 in Slovacchia esiste la lotteria degli scontrini con estrazione settimanale di denaro, auto o partecipazione a trasmissione in tv. Si può partecipare con ogni scontrino di importo almeno pari a un euro, basta inserire il codice dello scontrino sul sito o app dedicata.

    TAIWAN
    Nel 2012 anche Taiwan ha introdotto un gioco a premi a Taipei: sul retro di ogni scontrino fiscale è stato inserito un numero che partecipa alla lotteria istantanea “gratta e vinci”. Gli scontrini permettono di vincere da un minimo di 5 dollari e un massimo di 200 dollari.

    795

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EconomiaFiscoNews Economia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI