Come funziona un sistema al Superenalotto spiegato in breve

Come funziona un sistema al Superenalotto spiegato in breve

Un metodo molto usato dai giocatori nostrani

da in Economia, Superenalotto
Ultimo aggiornamento:
    Come funziona un sistema al Superenalotto spiegato in breve

    Vi siete mai chiesti come funziona un sistema del Superenalotto? Il jackpot del Superenalotto occasionalmente raggiunge cifre record. Non molto tempo fa un fortunato cittadino calabrese ha sbancato il jackpot portandosi a casa la cifra record di 163 milioni di euro. Il fortunato vincitore ha fatto una giocata semplice, ma statisticamente è più facile vincere al Superenalotto con un sistema. Ma cos’è esattamente un sistema del Superenalotto? Scopriamolo insieme.

    In generale è molto difficile azzeccare una vincita con un colpo secco ed è per questo che sono in molti a ricorrere ai sistemi per il Superenalotto. Anche la più alta vincita mai registrata da quando esiste il gioco è stata ottenuto usando un sistema: il 30 ottobre 2010 un sistema da 70 quote permise di vincere il montepremi di 177 milioni di euro: ai giocatori andarono 2,5 milioni di euro.
    Il Superenalotto è il più difficile gioco a premi del mondo ed è per questo che ha montepremi così alti. Indovinare sei numeri dall’1 al 90 è una vera impresa: la possibilità di indovinare le sei cifre è di 1 su 622.614.630.

    Un modo per andare il più vicino possibile alla sestina vincente è giocare più numeri e più combinazioni con quello che si chiama sistema. Con l’aumentare delle combinazioni cresce anche il costo della quota da giocare: per ovviare al problema si dividono le quote in modo da poterne acquistare una singola e sperare che il sistema abbia la sestina vincente.

    È chi crea il sistema a ideare il costo totale: più è alto e più sono alte le possibilità di vincere. Questo però non spiega perché il costo delle singole quote di sistemi diversi è uguale: come mai? Semplice.

    A influire sul costo finale della quota è anche il numero totale di quote in cui è diviso. Più sono le quote in cui è diviso, meno è il costo della singola quota. Questo comporta però un maggior numero di giocatori e quindi un minore incasso a singola persona in caso di vincita.

    Da un lato ci sono dunque sistemi che hanno alte probabilità di vincita e alto numero di partecipanti, il che comporta dividere il montepremi tra più persone; dall’altro ci sono sistemi con meno probabilità di vincita e un numero più basso di partecipanti. In questo caso è più difficile vincere ma, in caso di vittoria, il jackpot viene diviso tra poche persone.

    417

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EconomiaSuperenalotto
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI