Trenitalia, nuovo biglietto regionale: cosa cambia per i pendolari?

Trenitalia, nuovo biglietto regionale: cosa cambia per i pendolari?

Piccola rivoluzione per i pendolari

da in Consumatori, Economia, Ferrovie, News Economia, Treni, Trenitalia
Ultimo aggiornamento:
    Trenitalia, nuovo biglietto regionale: cosa cambia per i pendolari?

    Dal 1° agosto 2016 entra in vigore il nuovo biglietto regionale di Trenitalia, cosa cambia per i pendolari? Il cambiamento che Trenitalia ha introdotto ha come scopo quello di combattere l’evasione, migliorare l’offerta e rendere più veloci i controlli a bordo, ma di sicuro andrà a influenzare anche le abitudini dei viaggiatori. Vediamo tutte le novità a proposito delle modifiche dei titoli di viaggio validi per i treni regionali e interregionali.

    La prima novità si riferisce alla data di partenza e alla validità del titolo di viaggio. Il nuovo biglietto regionale Trenitalia ha la data stampata ed è valido entro le 24 ore dalla data dell’emissione del biglietto. Ai fini del viaggio si ritiene valido dopo la convalida effettuata nell’obliteratrice. La validità massima del titolo di viaggio dal momento dell’obliterazione è di 4 ore.

    Il titolo di viaggio non è valido oltre la data di scadenza anche se non è stato obliterato.

    • In pratica dal 1° agosto chi acquista un biglietto in biglietteria, dai rivenditori o alla macchinetta self-service, per una corsa su un treno regionale o interregionale, deve comunicare il giorno in cui si effettuerà il viaggio, che sarà quindi stampato sul biglietto.
    • Il biglietto potrà essere usato regolarmente entro le 23.59 del giorno stampato sul biglietto, dopodiché non sarà più valido (anche se non viene timbrato)
    • Il biglietto è valido entro 4 ore dalla timbratura, ma nel caso in cui il viaggiatore si trovasse a bordo del treno oltre lo scadere della validità, potrà comunque raggiungere la sua destinazione finale, senza fermate intermedie.
    • In caso di bisogno è possibile sostituire la data del titolo di viaggio una sola volta, ed entro le 23.59 del giorno precedente la data impressa sul biglietto.
    • Il cambio biglietto non comporta costi aggiuntivi se effettuato tramite self service Trenitalia o presso le biglietterie Trenitalia mentre, se il biglietto verrà cambiato nei punti vendita SiSALPAY, LisPaga di Lottomatica o in tabaccheria, si dovrà pagare una commissione di 50 centesimi a biglietto. Nel caso di cambio biglietto presso un’agenzia di viaggio la maggiorazione dei costi potrebbe essere più alta e comunque variare in base all’operatore.
    • Inoltre, con le stesse modalità sopra elencate – e sempre entro le 23.59 del giorno prima del viaggio acquistato – si può cambiare l’itinerario pagando una penale del 20% (massimo 3€) o richiedere il rimborso del biglietto (per un minimo di 8€), con una penale del 20%.

    457

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ConsumatoriEconomiaFerrovieNews EconomiaTreniTrenitalia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI