Come fare l’autolettura del contatore della luce

Come fare l’autolettura del contatore della luce

Impariamo a leggere il contatore di nuova generazione e quello tradizionale

da in Bollette, Economia, Energia elettrica, How To Economia
Ultimo aggiornamento:
    Come fare l’autolettura del contatore della luce

    Saper fare l’autolettura del contatore della luce è importante per risparmiare sulle bollette. Rilevare i consumi effettivi significa infatti stare alla larga da quelli stimati che possono risultare più alti. I consumi di energia elettrica vengono infatti rilevati in tre modi. Il primo è la telelettura: se il contatore lo permette, a rilevare i consumi è direttamente il fornitore. Se questo non è possibile, sulla bolletta ci saranno i consumi stimati che, appunto, non coincidono con quelli reali e possono essere maggiori. Infine c’è l’autolettura: è l’utente stesso a rilevare i propri consumi e a comunicarlo al fornitore dieci giorni prima della scadenza del bimestre, attraverso il numero verde o l’area clienti del sito internet. Vediamo come fare l’autolettura della luce con un contatore di nuova generazione.

    LEGGI ANCHE: Contatori della luce intelligenti: cosa cambia per gli utenti

    Il contatore di nuova generazione (in questo caso monofase) è composto da uno schermo a cristalli liquidi al centro e un pulsante sulla destra. Ogni volta che viene premuto, sul display appaiono una serie di informazioni che permettono di fare l’autolettura. All’inizio è spento. Al primo clic compare il numero cliente. Al secondo clic segue la fascia oraria in uso al momento: avendo letto il nostro contatore alle 18.50 esce la prima, F1 (la meno economica). Subito dopo esce il valore della massima potenza istantanea assorbita, che si aggiorna automaticamente ogni due minuti.

    F1

    Potenza istantanea

    Le informazioni successive riguardano il consumo di energia elettrica in kWh A1, A2 e A3 nel periodo di fatturazione in corso, nelle tre fasce orarie: esce quindi il consumo per F1, F2 ed F3.

    Consumo

    Premendo ancora il pulsante esce la potenza massima assorbita, P1, P2 e P3, sempre nelle fasce orarie F1, F2 e F3.

    Potenza assorbita

    Continuando a premere il pulsante, escono le stesse informazioni (dunque consumo di energia e potenza massima assorbita relativamente alle tre fasce orarie) ma relativamente al periodo precedente.

    Un ottimo metodo per capire se si sta risparmiando rispetto al passato o meno. Esce infine la data dell’autolettura.

    Data rilevamento

    Fare l’autolettura con il contatore tradizionale è molto semplice. Non ci sono pulsanti da premere ma solo delle cifre da riportare. Bisogna indicare le cifre tranne gli zero iniziali e i numeri decimali dopo la virgola, spesso inseriti nelle caselle rosse.

    618

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BolletteEconomiaEnergia elettricaHow To Economia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI