Mutui case e pignoramento: cosa cambia con la riforma

Mutui case e pignoramento: cosa cambia con la riforma
da in Banche, Economia, Mercato immobiliare, Mutui, News Economia
Ultimo aggiornamento: Martedì 29/11/2016 18:47

    Rental income increase

    La riforma dei mutui sulla casa prevista dal recente decreto presentato dal Pd è passata. I cittadini italiani vogliono sapere nel dettaglio cosa cambia rispetto al passato. Abbiamo quindi raccolto, nelle pagine seguenti, tutti i punti chiave della riforma con i dettagli più interessanti per i consumatori che si sono allarmati soprattutto riguardo all’eventuale pignoramento e sequestro del bene immobile se non si pagano le rate.

    Rental income increase

    Se il cittadino non paga il mutuo di una casa, la banca che deve rientrare del credito deve prima rivolgersi al tribunale che autorizza il pignoramento dell’immobile che in seguito viene venduto (spesso svenduto) tramite asta giudiziaria. Con la nuova legge, invece, la banca potrà sequestrare l’immobile automaticamente, ma solo e soltanto se il proprietario ha firmato la clausola che riguarda il sequestro dell’immobile dopo un numero di rate non pagate. Scopriamone di più.

    Rental income increase

    La banca potrà sequestrare l’immobile su cui ha concesso un mutuo dopo 18 rate non pagate dall’acquirente proprietario (anche se non sono consecutive), ma – come detto – solo se il proprietario ha firmato la clausola relativa al momento della stipula del mutuo. E la banca non potrà obbligare alla firma.

    Rental income increase

    Il patto commissorio è vietato dall’articolo 2744 del Codice civile e resta tale. Quindi la banca, in mancanza del pagamento del credito nel termine fissato, non può prendere in automatico la proprietà al debitore, ma resta la possibilità di scegliere il ‘patto marciano’, secondo il quale è previsto il passaggio della proprietà tra il debitore e il creditore dietro valutazione del valore del bene in questione, per evitare sproporzioni tra la somma dovuta e il valore del bene.

    Rental income increase

    Questa nuova legge viene resa operativa solo a partire dai nuovi contratti, mentre quelli in corso resteranno invariati. L’ambito di applicazione è circoscritto a: mutui aventi ad oggetto la concessione di credito garantito da ipoteca su un immobile residenziale; mutui finalizzati all’acquisto o alla conservazione del diritto di proprietà su un terreno o su un immobile edificato o progettato.

    Rental income increase

    In caso di rivendita della casa a terzi, la banca dovrà ritenere chiuso il debito, catalogando il saldo come andato a termine, anche se il valore del bene risulterà essere inferiore a quello del debito residuo non pagato dal proprietario. In pratica la vendita dell’immobile a terzi obbligherà la banca a cancellare il mutuo con il proprietario. Di più, in caso di vendita a prezzo superiore al valore del debito, la parte di denaro in più dovrà essere obbligatoriamente restituita all’ex proprietario dell’immobile.
    LEGGI ANCHE LE PRINCIPALI NOVITA’ DEL DECRETO BANCHE

    760

    Referendum costituzionale 2016

    PIÙ POPOLARI