Uomini più ricchi del mondo: in 62 hanno quanto metà della popolazione mondiale

Uomini più ricchi del mondo: in 62 hanno quanto metà della popolazione mondiale

Aumenta il divario tra miliardari e poverissimi

da in Dichiarazione dei redditi, Economia, Pensioni, Povertà, Precari, Reddito
Ultimo aggiornamento:
    Uomini più ricchi del mondo: in 62 hanno quanto metà della popolazione mondiale

    I più ricchi del mondo sono solo l’1% della popolazione eppure il loro patrimonio è più ampio di quello del 99% del resto degli abitanti del Globo. E’ proprio questo il motivo del titolo del recente rapporto dell’organizzazione non governativa Oxfam pubblicato alla vigilia del World Economic Forum di Davos: “un’economia al servizio dell’1%“, che pone luce sulla diseguaglianza economica sempre più evidente tra chi ha tanto, tantissimo e chi ha pochissimo.

    Nelle pagine del dossier Oxfam – realizzato analizzando dati Forbes circa la classifica dei più ricchi del mondo – si legge inoltre che i 62 supermiliardari più ricchi del mondo hanno una ricchezza equivalente a quella della metà più povera della popolazione mondiale. Una tendenza alla disuguaglianza che si registra anche in Italia.

    Nel 2010 erano 388. Ad oggi solo 62 super-ricchi in tutto il mondo hanno continuato a guadagnare oltre 500 miliardi di dollari, arrivando così ad un totale di 1.760 miliardi di dollari. In pratica questi pochi miliardari, alcuni dei quali sono impegnati anche in progetti di beneficenza, possiedono la stessa ricchezza di metà della popolazione più povera: 3,6 miliardi di persone, quindi, ha visto la propria quota di ricchezza ridursi di circa 1.000 miliardi di dollari.

    Tra i 62 super-ricchi ci sono soltanto 9 donne, e nel rapporto dell’agenzia umanitaria si pone l’accento sul fatto che le donne sono svantaggiate e hanno difficoltà a emergere in un mondo lavorativo che le penalizza anche economicamente.

    Secondo i dati 2015 sulla distribuzione nazionale della ricchezza, l’1% più ricco degli italiani possiede il 23,4% della ricchezza nazionale. In più, dal 2000 al 2015 l’aumento della ricchezza si è registrato solo per il 10% dei Paperoni italiani. Una tendenza, evidenziano gli studiosi Oxfam, che rischia di vanificare tutti i progressi raggiunti finora nella lotta alla povertà.

    424

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Dichiarazione dei redditiEconomiaPensioniPovertàPrecariReddito
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI