Canone Rai 2016 seconda casa: come paga chi ha due case?

Canone Rai 2016 seconda casa: come paga chi ha due case?

Ecco il Canone Rai da pagare per chi ha la seconda casa

da in Agenzia delle Entrate, Bollette, Canone Rai, Economia, Rai, Tasse
Ultimo aggiornamento:
    Canone Rai 2016 seconda casa: come paga chi ha due case?

    Quali sono le cose da sapere per quanto riguarda il Canone Rai 2016 sulla seconda casa? Come paga chi ha due case, ad esempio? Facciamo un po’ di chiarezza. Dopo aver visto tutte le novità e il funzionamento sul pagamento del nuovo abbonamento Rai, sappiamo che dall’anno 2016 il pagamento dell’abbonamento Rai si effettua in automatico sulla bolletta elettrica. Vediamo allora tutto quello che vale la pena di sapere per non incorrere in eventuali sanzioni.

    Come si deve comportare chi ha, ad esempio, una seconda casa? Il contribuente è chiamato a pagare un altro canone tv? La risposta è negativa: no, non deve pagare un secondo abbonamento se ha già provveduto a saldare il canone per la prima casa in cui risulta residente.

    In pratica, la tassa sulla detenzione dell’apparecchio viene applicata a ciascun residente (con eccezione di chi ha diritto all’esenzione, ad esempio gli over 75 che guadagnano meno fino a 8000 euro l’anno) e addebitata sulla utenza elettrica. Il pagamento del canone televisivo Rai è dovuto dunque una sola volta all’anno e si riferisce a tutti gli apparecchi presenti nella casa di residenza o dimora del contribuente, anche in caso di presenza di altre persone appartenenti alla stessa famiglia anagrafica.

    Se invece due coniugi possiedono due case (in ciascuna delle quali è presente una TV), e ognuno di essi ha la propria residenza in una delle abitazioni, allora bisognerà pagare due abbonamenti distinti, sia sul primo che sul secondo immobile. Sarà la società elettrica ad addebitare il relativo importo sulle bollette di energia elettrica relative alle utenze.

    Per non pagare il canone Rai, il contribuente dovrà ogni anno presentare una autocertificazione all’Agenzia delle Entrate, ufficio Torino 1, con cui dichiara di non possedere alcun apparecchio televisivo nella seconda casa. In caso di dichiarazioni false, oltre ad un eventuale conseguenza penale, la sanzione sarà di 5 volte il canone o i canoni non pagati.

    ATTENZIONE: nel caso in cui un residente all’estero abbia un’abitazione in Italia in cui è presente almeno un televisore, il canone TV dovrà essere comunque regolarmente pagato. In questo caso verranno utilizzati degli appositi bollettini.

    496

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Agenzia delle EntrateBolletteCanone RaiEconomiaRaiTasse
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI