Vacanze di Natale 2015, gli italiani tornano ad andare in ferie: +7,7%

Timidi segnali di ripresa

da , il

    Vacanze di Natale 2015, gli italiani tornano ad andare in ferie: +7,7%

    Le vacanze di Natale 2015 sono all’insegna della ripresa, per quanto riguarda il turismo. Gli italiani tornano ad andare in ferie facendo registrare un +7,7% – rispetto all’anno 2014 – tra coloro che hanno deciso di spostarsi da casa dormendo fuori almeno una notte (dati Federalberghi). Durante le feste si muoveranno circa 12,8 milioni di italiani. A Natale resterà in Italia l’86% degli italiani (nel 2014 furono l’88%), mentre a Capodanno la percentuale è dell’80%. La timida ripresa di fine anno non ha cambiato nulla, in sostanza, per i 47 milioni di italiani (48 nel 2014) che alle vacanze hanno dovuto rinunciare, soprattutto per motivi economici.

    È un ottimistico segnale di ripartenza e di consolidamento dei consumi turistici degli italiani quello che emerge dalle previsioni delle imminenti festività di Natale e di Capodanno. Il risultato atteso per gli ultimi giorni di dicembre rappresenta una gradita conferma di un trend iniziato da gennaio” ha assicurato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.

    Vacanze di Natale

    In totale quindi saranno circa 6,6 milioni gli italiani (6,2 milioni del 2014) che si muoveranno dalla propria città, dormendo almeno una notte fuori casa, per un incremento del 5,5%. La vacanza preferita sarà in montagna (30,6% rispetto al 39,5% del 2014), seguita da una città diversa da quella di residenza (26,5% rispetto al 24,2%), dalle città d’arte maggiori e minori (22,1% rispetto al 15,8%) e dal mare (12,4% rispetto al 13,7%). L’estero attrae con le grandi Capitali europee (63,2% rispetto al 69,3% del 2014). Per chi resta in Italia l’alloggio preferito è la casa di parenti o amici (41,2% rispetto al 40,7% del 2014), seguito dall’albergo (27% rispetto al 28,2%), dalla casa di proprietà (10,6% rispetto al 10,1%), dai B&B (6,1% rispetto al 4,5%) e dai rifugi alpini (5,3% rispetto al 7,2%). A Natale gli italiani in vacanza dormiranno in media 5,4 notti fuori casa (rispetto alle 4,6 notti del 2014) per una spesa media pro-capite (comprensiva di trasporto, alloggio, cibo, divertimenti) di 651 euro.

    Vacanze di Capodanno

    A Capodanno si muoveranno circa 6,2 milioni gli italiani (rispetto ai circa 5,6 milioni del 2014), per un +10,2% rispetto al 2014. Tra chi partirà in vacanza l’80% (rispetto al 69% del 2014) resterà in Italia, mentre il 20% (rispetto al 31% del 2014) andrà all’estero. Per chi resterà in Italia la vacanza preferita sarà ancora in montagna (35,7% rispetto al 37,4% del 2014). A Capodanno gli italiani in vacanza dormiranno in media 4,1 notti fuori casa rispetto alle 3,7 notti del 2014, per una spesa media pro-capite (comprensiva di trasporto, alloggio, cibo, divertimenti) di 596 euro rispetto ai 660 euro del 2014.

    Coldiretti: 8 su dieci stanno a casa

    Natale in casa, secondo tradizione. E’ la ‘regola’ che 8 italiani su 10 (l’82 per cento) intendono rispettare quest’anno, rinunciando ai viaggi e preferendo la compagnia casalinga di parenti e amici. In media ogni famiglia – lo dice un’analisi Coldiretti/Ixe’ – spenderà 102 euro per imbandire le tavole del Natale dedicando almeno 3 ore per la preparazione del pasto principale. Solo il 9% degli italiani ha prenotato nei ristoranti mentre il 3% ha scelto l’opzione agriturismo. Chi deciderà di mettersi ai fornelli sceglierà prodotti Made in Italy (almeno il 61% degli italiani) e ben il 30% punterà sui prodotti locali a chilometri zero. Il panettone resta il prodotto simbolo di queste festività (76% di preferenze), seguito dal pandoro (68%) ma sulla metà delle tavole (51%) faranno la loro comparsa i dolci della tradizione fatti in casa.