Le ‘dritte’ per trovare impiego più assurde di sempre

Trovare lavoro facilmente non è più impossibile, se si lascia a casa la dignità! Ecco alcuni consigli ridicoli per fare carriera che ci suoneranno familiari.

da , il

    Trovare lavoro sembra sempre più un’impresa, ci sono però delle “scappatoie” che si possono sfruttare per ottenere l’agognata assunzione e sono veramente fantasiose! Vediamo insieme quali, con l’obiettivo di farci una risata, seppur amara, durante la lettura.

    Meglio essere figli di papà

    La via più facile. Perché cercarsi un lavoro per diventare indipendenti, quando puoi esserlo comunque a spese della tua famiglia? Qui entra in gioco il famoso “titolo” del figlio di papà, che grava sull’economia dei suoi cari senza farsi domande, anche perché nemmeno loro gliene fanno.

    La corsia preferenziale

    Anche in questo caso c’entrano i legami famigliari, o anche quelli di amicizia. Insomma, stiamo parlando delle famose “raccomandazioni”, grazie alle quali in tanti nel nostro Paese sono riusciti ad occupare posti di prestigio, che per molti sono diventati impieghi a tempo indeterminato.

    Cedere alle avances

    E’ famoso il caso di Gabrielle McMullin, chirurgo australiano che ad alcune studentesse di medicina ha consigliato di lasciarsi andare a proposte “sessuali” per fare carriera facilmente. La donna ovviamente ha scatenato un polverone con la sua affermazione sessista, come riteniamo che sia giusto definirla. Inoltre, ha specificato di non rifiutare le avances per evitare di buttare fango sul proprio futuro. Un consiglio a dir poco agghiacciante.

    Affidarsi alla fortuna

    Può sembrare ridicolo, ma forse questo è il più sensato dei consigli. A volte basta trovarsi nel posto giusto al momento giusto per trovare l’opportunità che farà di noi una persona in carriera, e magari proprio all’interno dell’ambito che tanto sognavamo!

    Sposarsi un milionario

    O, come disse Berlusconi, suo figlio. Anche questa dritta va a finire nella cerchia dei consigli ridicoli per diventare qualcuno nel mondo del lavoro, c’è però da dire che a sposare un milionario non sarebbe poi necessario cercarsi un impiego. Una vita da mantenuti? Perché no, in fondo questa è anche la scelta di tanti giovani che preferiscono la comodità di casa priopria all’indipendenza, e non stiamo parlando di chi non riesce a trovare un lavoro ma di chi invece proprio non lo cerca.