NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Tari 2015, quando si paga? Calcolo e scadenza

Tari 2015, quando si paga? Calcolo e scadenza
da in Consumi, Economia, Tasse
    Tari 2015, quando si paga? Calcolo e scadenza

    Tari 2015: vediamo quando si paga, qual è la sua scadenza esatta e come si effettua il calcolo per stabilire la somma dovuta. La Tari è la tassa sui rifiuti e fa parte della Iuc, l’imposta unica comunale, che comprende anche la Tasi. E’ stata introdotta il 27 dicembre 2013 con la legge di stabilità relativa al 2014 e va a sostituire precedenti tributi, come la tariffa di igiene ambientale, la Tarsu (tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani) e la Tares (tributo comunale sui rifiuti e sui servizi).

    La sigla Tari sta per “tariffa rifiuti” e il denominatore comune è costituito dagli immobili che sono collocati su un determinato territorio comunale. Questa tassa viene pagata per sostenere le spese che i Comuni mettono in atto per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

    Il termine ultimo per il pagamento della Tari 2015 è il 16 giugno. Questo riguarda tutti coloro che decidono di pagarla in un’unica soluzione. Ciascun Comune, tuttavia, ha stabilito dei termini differenti ben precisi per chi sceglie il pagamento rateizzato, che si compone di rate che vanno da 2 a 4. La tassa sui rifiuti deve essere pagata dai proprietari degli immobili, dagli inquilini e da chi risulta essere titolare di imprese commerciali.

    E’ facile pagare la Tari 2015, perché ciascun cittadino riceve a casa una cartella di pagamento, attraverso la quale è possibile anche rateizzare il tutto.

    La tassa si può pagare con il bollettino di conto corrente postale oppure si può utilizzare il modello F24. A provvedere a recapitare i moduli di pagamento è il Comune o l’azienda che eroga il servizio di raccolta.

    Per stabilire qual è la somma che dobbiamo pagare relativamente alla tassa sui rifiuti, dobbiamo prendere in considerazione i metri quadrati dell’abitazione o del negozio a cui si fa riferimento. Proprio i metri quadri costituiscono un fattore determinante, ma adesso se ne aggiungono altri, come il numero di abitanti, la rendita catastale dell’immobile e l’aliquota che ogni Comune avrà scelto di adottare. Per calcolare la somma della Tari 2015, potete utilizzare il calcolatore automatico disponibile su questo sito internet, tenendo conto del fatto che la cifra potrebbe cambiare in base al Comune.

    457

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ConsumiEconomiaTasse
    PIÙ POPOLARI