Mutuo: spiegazione e dizionario del prestito per la casa

Vediamo che cos’è il mutuo, secondo la sua spiegazione e la definizione, ed esaminiamo il dizionario del prestito per la casa.

da , il

    Il mutuo, secondo la spiegazione corrente, è un finanziamento, che in genere dura da 5 a 30 anni, che il cliente effettua rivolgendosi ad un istituto bancario. Il cliente di una banca riceve l’intera somma e poi la rimborsa nel tempo, attraverso delle rate che possono avere un importo costante oppure variabile. Di solito viene effettuato per acquistare, per costruire o per ristrutturare un immobile, in genere la casa di abitazione. La definizione più precisa è quella di mutuo ipotecario, perché il pagamento delle rate è garantito da un’ipoteca sull’immobile. Vediamo i principali termini che si riferiscono a quest’ambito finanziario, per spiegarne meglio il significato.

    Accollo

    L’accollo è un contratto tra un debitore e una terza persona, che si impegna a pagare il debito al creditore. Nel caso specifico del mutuo si riferisce ad una persona (l’acquirente), che si impegna ad acquistare un immobile, pagando all’intermediario. In sostanza chi acquista un immobile gravato da ipoteca si accolla il debito residuo.

    Ammortamento

    L’ammortamento indica il procedimento graduale di estinzione di un prestito attraverso il pagamento di rate secondo uno specifico piano.

    Estinzione anticipata

    Con il termine estinzione anticipata si indica la chiusura del rapporto contrattuale con la restituzione della somma dovuta prima della scadenza del mutuo.

    Euribor

    Euribor (Euro Interbank Offered Rate) è il tasso interbancario definito a livello europeo, che viene utilizzato come punto di riferimento per i mutui a tasso variabile.

    Fideiussione

    La fideiussione indica l’impegno a garantire personalmente al creditore il pagamento di un debito di un’altra persona. Il creditore può rivalersi sull’intero patrimonio del garante.

    Ipoteca

    L’ipoteca è il diritto di garanzia su un determinato bene, di solito costituito da un immobile. Il proprietario, che ha richiesto il mutuo, può continuare ad abitare nella casa, ma se il debitore non può pagare il suo debito il creditore può ottenere che l’immobile venga espropriato e venduto.

    Rinegoziazione

    E’ l’operazione con la quale si modificano alcuni elementi del contratto originario, per esempio la durata del mutuo o il parametro di riferimento. Si tratta di un’operazione che viene compiuta in modo gratuito.

    Taeg

    Il taeg indica il tasso annuo effettivo globale, il totale del mutuo su base annua, ed è espresso in percentuale sull’ammontare del finanziamento. Comprende il tasso di interesse e tutte le altre spese, tranne quelle notarili. Deve essere sempre indicato nella documentazione contrattuale e costituite un termine di confronto molto utile.

    Tasso a regime

    Gli intermediari possono offrire interessi vantaggiosi nei primi mesi del mutuo, secondo quello che viene chiamato tasso di ingresso. La determinazione definitiva del tasso, chiamata tasso a regime, può essere rimandata ad un momento successivo.

    Tasso di interesse

    Il tasso di interesse è espresso in percentuale e indica la misura del compenso che spetta all’intermediario per l’erogazione del finanziamento.