Bonus 80 euro 2015: come funziona? Calcolo e detrazioni anche per disoccupati

Bonus 80 euro 2015: come funziona? Calcolo e detrazioni anche per disoccupati
Di

561

Il bonus di 80 euro 2015 come funziona? Il provvedimento è stato introdotto dal decreto sulla riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti. Si tratta dell’erogazione di un bonus per i lavoratori dipendenti che non superino il reddito dei 24.000 euro l’anno. Il bonus viene erogato direttamente in busta paga e il dipendente non deve fare una richiesta formale per ottenerlo. La misura fiscale è diventata a regime con la legge di stabilità 2015. Alcuni dipendenti sono esclusi dal beneficio. Infatti il bonus non va ai contribuenti che hanno redditi diversi da quelli che derivano dal lavoro dipendente e assimilato.

Inoltre sono esclusi dal bonus i contribuenti, il cui reddito complessivo annuale superi i 26.000 euro. Dai 24.000 ai 26.000 euro viene fatto un calcolo in maniera proporzionale.

Il calcolo

Il bonus di 80 euro spetta a tutti quei contribuenti che sono lavoratori dipendenti o assimilati, che non superino come reddito complessivo i 24.000 euro. In questo caso l’importo totale del bonus è pari a 640 euro (da maggio a dicembre 2014). Se il reddito complessivo supera i 24.000 euro, ma non va oltre i 26.000 euro, il dipendente può avere soltanto una parte del bonus.

Si esegue un calcolo proporzionale, che corrisponde al rapporto tra i 26.000 euro, a cui vengono sottratti il reddito complessivo e l’importo di 2.000 euro. Per effettuare il calcolo, il reddito complessivo deve essere determinato al netto del reddito che deriva dalla casa adibita ad abitazione principale.

Come avere il bonus

Per avere il bonus di 80 euro non si deve fare una richiesta formale al datore di lavoro, ma l’importo sarà visibile direttamente sulla prima busta paga. Il bonus viene erogato dai sostituti d’imposta in modo automatico, senza specifica domanda. I datori di lavoro comunque devono verificare se ci sono i presupposti del diritto e se il lavoratore ha tutti i requisiti per ottenere il bonus.

Novità per la cassa integrazione, per la mobilità e la disoccupazione

Anche i lavoratori in cassa integrazione, che ricevono l’indennità di mobilità o che vivono una condizione di disoccupazione hanno diritto a percepire il bonus. In questo caso sarà l’Inps a verificare le somme percepite dai lavoratori, proprio perché in queste situazioni è proprio l’Inps l’ente che eroga le prestazioni a sostegno del reddito.

In base alle somme versate ai lavoratori, tenendo conto dei giorni che danno diritto all’indennità, verrà calcolato l’importo del bonus da erogare. L’Inps procederà all’erogazione della somma in via automatica.

Il bonus di 80 euro spetta anche ai lavoratori in malattia e in congedo di maternità obbligatorio. Lo ha stabilito un’apposita circolare Inps, che ha sottolineato come i redditi assimilati a quelli del lavoro dipendente, per percepire il bonus, sono anche quelli dei lavoratori soci delle cooperative, di borse di studio e assegni o di premi per lo studio o l’addestramento professionale. In questi redditi rientrano anche quelli che derivano da collaborazione coordinata e continuativa e i compensi per i lavori socialmente utili.

Cosa comprare con gli 80 euro di Renzi?
Regali Libri
VOTA VOTA
Segui NanoPress
  • Mario

    Se proprio dobbiamo parlare rivediamo le pensioni dei Coltivatori Diretti che come mia madre vedova prende misere 480 euro più 100 euro di reversibilità.
    Per queste persone l’adeguamento quando ci sarà?
    le pensioni minime con un tetto minimo di sopravvivenza di 800 euro, quando sarà fatto? Credo mai, si pensa alle pensioni di mila euro senza pensare mai a chi ha pagato per 40 i contributi arrivando alla pensione in miseri……..

  • MARIANNA

    Noi siamo davvero incontentabili e criticoni non interveniamo mai e ci lamentiamo
    sempre!!!!!E VERO LE PENSIONI DOVREBBERO ESSERE RIVALUTATE
    Ma pensate alla fortuna dei pensionati statali( VEDI ENEL) oltre alle pensioni che sono pari a euro 1.700 mensili hanno RIDUZIONE DELL’ENERGIA ELETTRICA
    E ALTRO…vi pare giusto…….anche li si dovrebbe soffermarsi e valutare
    per non parlare dello SCHIFO DEI NOSTRI GOVERNATORI (SENATO E CAMERA)
    NON NE USCIAMO PIU’ SE NON CON UNA RIVOLTA CHIAMATA VOTAZIONI!!!!!

  • fabio

    Ieri ho ritirato la busta paga e delle 80 euro neanche l’ombra..preciso che non superò le 25 mila euro lorde annue ..non capisco perché ..

  • Luigi Nardi

    dovete morire…………tutti Renzi per primo,ma vaffanculo va!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!cù tutt’ò cor tho dic,e taggi’à trattat!!!!!!!!!!!!!!

  • lortenzo

    sarà .ma io che sono in mobilità questi 80€ non il ho visti qualquno mi sa spiegare o è il solito proclama e poi alla fine della fiera chi se ne frega se non li prendono

  • Fulvio

    si si grazie degli 80 euro a qualcuno e grazie anche della tasi, aumento tassa passaporto, diminuzione assegni famigliari per tutti.
    Con una mano ti danno 80 euro e con l’altre te ne levano 200!!!

    Grazie ITALIA

  • maria

    Bastardi…………!!!!!!!!!!!!!! Come al solito chi e’ piu’ povero non ha mai nulla………………bastardo ,bastardo, bastardo

  • Angelo Calemme

    Ma chi è Renzi? Quali scuole ha fatto? Cosa ha pubblicato? In quali contesti ha lavorato? Si può parlare di emancipazione nella sua vita o avuto un tranquillo soggiorno tra l”infanzia e la pubertà? In che modo rappresenta l’Italia e l’Europa dei giorni nostri? Che tipo di formazione politica ha praticato?

  • CLAUDIO

    LADRI

  • flavio

    salve, volevo sapere una cosa, io ho percepito nel mese di luglio la bellezza di 250 euro, dati dalla famosa legge degli 80 euro, il problema che nn capisco è questo, io essendo disoccupato, quindi nn percepisco più l’aspi( finita a maggio) e non percepisco nemmeno la mobilità, vorrei sapere se effettivamente io rientro in questo campo, perché cm si à in italiana nn si capisce mai niente.

torna su
NANOPRESS MOBILE

Scarica gratis l'applicazione NanoPress dall'App Store

IPHONE IPAD