Truffe PayPal: come risolvere i problemi

Truffe PayPal: come risolvere i problemi
da in Conti correnti, E-Commerce, Economia, Guide Tech, Hacker, Informatica, Internet, Rimborsi, Sicurezza Informatica, Truffe
Ultimo aggiornamento:
    Truffe PayPal: come risolvere i problemi

    PayPal è il classico caso di rivoluzione all’interno di una rivoluzione: se Internet ha cambiato la nostra vita, PayPal a sua volta a dato un nuovo volto alla gestione dei soldi in rete, offrendo un servizio pratico e sicuro per inviare e ricevere denaro online. Nonostante tutto, però, si può sempre incappare in qualche truffa su PayPal, il che spesso significa account violato da hacker esperti e soldi dirottati su conti correnti esterni e spesso cifrati. Nessuna applicazione è esente da problemi di questo tipo, ma per fortuna l’azienda PayPal, ben conscia delle criticità, ha organizzato una prassi standard per la gestione di emergenze attraverso il centro assistenza.

    Quando parliamo di problemi con PayPal, in questo caso, non ci riferiamo ai disguidi che si possono avere con un altro utente (ad esempio un venditore o un acquirente di un sito di e-commerce che utilizzato il sistema PayPal) ma piuttosto ai classici casi di furto di identità e dirottamento fondi. I casi più comuni sono dovuti ai ben noti fenomeni di phishing e scam, che operano attraverso link fake che non puntano alla pagina ufficiale ma a una copia perfetta ma illegale. Lo scopo è rubare password e nome utente, rendendo così impossibile accedere all’account e operando sulle carte di credito registrate per spostare i fondi su conti esterni, spesso un po’ alla volta per non destare sospetti. Il rischio è rendersi conto del problema solo quando ormai i cyber-ladri hanno già fatto incetta dei nostri soldi. Cosa fare quando si fronteggia una situazione del genere?

    Prima di farsi prendere dal panico, la cosa migliore è contattare il servizio clienti di Paypal, che possiede una sezione dedicata proprio alla segnalazione di problemi di questo tipo (nella pagina Contatti). Le strade per comunicare con l’azienda sono diverse, dal form con domande prestabilite alla email, anche se il metodo più veloce resta il caro vecchio telefono.

    Affidarsi all’assistenza telefonica PayPal è senza dubbio la scelta consigliata, stando bene attenti a segnarsi il codice identificativo visualizzato all’apertura della pagina, per velocizzare la pratica. Una volta inoltrata la chiamata, ci sarà una voce guidata che proporrà le classiche soluzioni già pronte, ma basta perseverare per poter parlare con un operatore. Ovviamente, per chi non riesce più ad entrare nel proprio account, parlare con l’operatore è l’unica strada da percorrere, tenendo presente che bisognerà dimostrare la propria identità riportando i seguenti dati: nome e cognome, email utilizzata per il conto, numero di telefono e indirizzo personale.

    Una volta confermata l’identità e individuata la questione, si passa alla risoluzione del problema. La nuova password verrà comunicata via posta tradizionale, per evitare ulteriori spiacevoli problemi in caso l’email sia stata oggetto di hacking. Se anche le domande di sicurezza sono state cambiate dai truffatori, si dovrà conttare ulteriormente l’assistenza ma, una volta concluso questo percorso tortuoso, l’account sarà di nuovo sbloccato. Per quanto riguarda i soldi, non vi resta che fare richiesta di rimborso e sperare.

    566

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Conti correntiE-CommerceEconomiaGuide TechHackerInformaticaInternetRimborsiSicurezza InformaticaTruffe Ultimo aggiornamento: Giovedì 07/07/2016 11:47
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI